Milan, scoppia la contestazione. Kakà e Abbiati calmano gli ultras (foto)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Novembre 2013 10:17 | Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2013 10:17

MILANO – Un pareggio in casa contro un Genoa ridotto in 10. Cinque partite senza vittorie. Un calcio di rigore fallito. Un po’ di sfortuna ma troppi problemi. E una società di cui ancora non si capiscono i piani per il futuro mentre il presente è fatto di una classifica desolante.

Sono gli ingredienti per cui i tifosi del Milan, al termine del deludente 1-1 interno con il Genoa hanno perso la pazienza. Al fischio finale in 400 sono andati fuori dallo stadio San Siro e hanno aspettato i giocatori, di certo non per fare festa. I tifosi si sono riversati fuori dallo stadio intonando cori fortemente insultanti: “vergogna”, “siete una squadra di m….”, “ci avete rotto i c…”.

La squadra è rimasta bloccata allo stadio. Poi i tifosi hanno chiesto un confronto con i giocatori e ad uscire sono stati Ricardo Kakà e il portiere Christian Abbiati. Scortati dagli uomini della sicurezza del club, i due giocatori hanno avuto un confronto con i leader della Curva per qualche minuto, davanti a una quarantina di agenti in tenuta antisommossa. Alla fine i tifosi hanno applaudito i giocatori e si sono lentamente allontanati dopo aver occupato la strada per circa un’ora.

Le foto della contestazione. (Foto Ansa)