Neve a Tokyo, la peggior tempesta degli ultimi 20 anni (foto)

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 febbraio 2014 18:36 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2014 18:36

TOKYO – Nevica a a Tokyo: é la peggiore tempesta di neve degli ultimi 20 anni con più di venti centimetri nella capitale del Giappone. La tempesta “imperfetta” ha già causato tre morti.

E’ la nevicata più pesante sulla città dal febbraio 1994 e la quarta più grande mai registrata dalla Seconda guerra mondiale, ha precisato la Japan Meteorological Agency (Jma), che ha messo in guardia dagli effetti del manto bianco e del forte vento che sta sferzando tutta la parte centro-orientale dell’arcipelago.

Non a caso, alla Tokyo Skytree, la torre di trasmissione tv più alta del mondo con i suoi 634 metri di altezza, sono state bloccate le visite sulle piattaforme panoramiche, mentre, sempre per il vento (e la neve), il Rainbow Bridge, l’avveniristico ponte che collega la città alle terre strappate alla baia di Tokyo, è stato chiuso al traffico. Sono tre le morti accertate a causa di incidenti stradali conseguenza delle condizioni meteo difficili e oltre 600 i feriti, in prevalenza a seguito di rovinose scivolate per il ghiaccio formatosi in serata con il calo delle temperature.

La Jma ha spiegato che la turbolenza è legata al fenomeno di bassa pressione che si sta muovendo verso nordest, lungo il lato meridionale dell’isola di Honshu, che potrebbe causare anche più di 50 centimetri di neve nella piana del Kanto, la grande area metropolitana di Tokyo.

La Tepco, la utility della regione, ha detto che 48.000 famiglie sono rimaste senza fornitura elettrica. All’aeroporto cittadino di Tokyo-Haneda, un totale di 98.000 passeggeri ha dovuto fare i conti con la cancellazione dei voli: la Nhk, la tv pubblica nipponica, ha stimato in circa 800 i voli cancellati, mentre gli scali di Hiroshima e Kagawa, coperti di neve, sono stati addirittura chiusi. Oltre a Tokyo, infatti, il manto bianco ha ricoperto altre grandi città come Hiroshima, Kyoto, Nagoya e Yokohama.

Seri problemi si sono registrati agli esami di ammissione alle università, in vista dell’anno accademico che inizia ad aprile, visti i problemi all’efficiente sistema dei trasporti. Le linee ferroviarie ad alta velocità, gli shinkansen Tokaido e Sanyo che operano nel Giappone centrale e occidentale, hanno accusato ritardi e viaggiato a velocità ridotta, creando disagi a circa 180.000 passeggeri. Chiusi, poi, alcuni tratti autostradali (Shin-Tomei e Chuo) per le abbondanti nevicate. Domani, infine, è previsto un miglioramento con la pioggia e l’innalzamento delle temperature, secondo l’agenzia meteo: sono condizioni che potrebbero facilitare la partecipazione alle elezioni per il nuovo governatore di Tokyo, attualmente stimata a livelli bassissimi.

(Foto LaPresse)