“Non fare il finocchio, mangia le patate”: bufera su targa di un locale a Napoli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Maggio 2014 15:53 | Ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2014 15:53

NAPOLI – “Non fare il finocchio, mangia le patate da Patatocchio“. Così recita la targa di un locale di street food a Napoli, sito in via Toledo. Ma lo slogan, considerato omofobo, ha fatto indignare più di un cittadino e la polemica, come succede spesso al giorno d’oggi, è subito montata su Facebook. Le associazioni Lgbt protestano e chiedono l’immediata rimozione del cartello. Antonello Sannino, presidente dell’Arcigay partenopea, spiega:

“È profondamente offensivo, sappiamo bene cosa sia nel gergo comune un finocchio (non certo era riferito alla pianta erbacea) e la patata (non certo il tubero). Ma nell’italietta berlusconiana non mi sorprende che ci si abitua a farsi dare del finocchio”.

Nessuna istigazione all’odio, si sono giustificati i gestori del locale, solo uno scherzo: “Questa targa è un dono ricevuto per l’inaugurazione“. In calce al messaggio politicamente scorretto c’è infatti la firma dell’autore, con tanto di data dell’inaugurazione. “Da Francesco Del Prete e famiglia, 24 aprile 2014″.

Chissà che avrebbero detto i napoletani di un candidato sindaco come quello di Forza Italia a Bari, che sull’ambiguità del proprio nome, Pasquale Finocchio, ci ha fatto i manifesti elettorali: “Vota uno come te. Finocchio”.

Il Corriere del Mezzogiorno pubblica la foto della targa infelice:

Non fare il finocchio. Mangia la patata da Patatocchio"