Nuova Zelanda è già 2022, i festeggiamenti a Auckland FOTO-VIDEO: Capodanno sottotono in tutto il mondo per il Covid

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 31 Dicembre 2021 15:35 | Ultimo aggiornamento: 31 Dicembre 2021 15:36
nuova zelanda, foto ansa

Nuova Zelanda è già 2022, i festeggiamenti a Auckland (foto Ansa)

In Nuova Zelanda è già 2022. Ad Auckland, il ponte del porto e la Sky Tower si sono illuminate con diversi colori.  Dopo Auckland, la prima grande città a dare il benvenuto al nuovo anno stappando le bottiglie ben 13 ore prima di noi, è toccato a Sydney (11 ore prima). Qui,il tradizionale spettacolo dei fuochi nella baia non è stato cancellato ma sarà a numero chiuso, con biglietti limitati e un forte invito a partecipare solo se vaccinati.

Il Capodanno nel mondo

Niente balli in bianco sulla famosa spiaggia di Copacabana a Rio de Janeiro, niente festeggiamenti a Trafalgar Square a Londra, niente spettacoli di luci sugli Champs Elysees. Anche Times Square a New York avrà un numero contingentato. Il mondo, alle prese con l’impennata dei contagi spinta dalla variante Omicron, cancella o taglia i festeggiamenti per il nuovo anno.

Da una parte all’altra del Pianeta saltano così le feste più famose di fine anno, che come sempre partiranno e si chiuderanno nelle piccole isole del Pacifico. Il 2022 inizierà, 13 ore prima che in Italia, a Kiritimati (o Christmas Island) dove passa la linea internazionale del cambiamento di data mentre gli ultimi a rimanere nel 2021 saranno gli abitanti delle isole Samoa, che festeggeranno 11 ore dopo l’Italia. E sono simbolo di speranza in anni di pandemia. I 15 atolli a 3.000 chilometri dalla Nuova Zelanda sono “Covid free”, salvi grazie ad uno stretto isolamento dal resto del mondo.

Gran Bretagna e Portogallo indietro dell’Italia di un’ora

Mentre anche gli italiani saranno entrati nel nuovo anno, resteranno invece nel 2021 i britannici a Londra e i portoghesi a Lisbona (1 ora in più). Le Azzorre saranno poi l’ultimo spicchio di terra europea ad entrare nel 2022 (+2 ore).

Ma il tradizionale appuntamento per brindare a Trafalgar Square rimarrà deserto, con il sindaco londinese che ha cancellato l’evento dopo l’impennata di contagi nella capitale. Rio de Janeiro resterà anche quest’anno orfana dei festeggiamenti nella famosa spiaggia di Copacabana, dove sono stati annullati anche i tradizionali giochi di fuochi sul mare, mentre New York ha confermato la festa a Times Square: ma con un limite di 15 mila persone (un quarto rispetto ai capodanni passati), tutte obbligatoriamente vaccinate e con la mascherina.

La maggior parte delle feste è saltata anche a Los Angeles, una delle ultime grandi metropoli a salutare il nuovo anno,. La città resterà orfana del countdown a Grand Park: ci si dovrà consolare seguendolo in streaming. Tra mascherine, coprifuoco, lockdown per i no-vax e annullamenti delle feste in piazza, anche il Vecchio Continente si prepara ad un Capodanno sotto tono. Parigi ha annullato concerti e spettacoli e l’evento tradizionale sugli Champs Elysees. Niente riunioni con più di 10 persone a Berlino, dove non si potranno ammirare i fuochi d’artificio dalla Porta di Brandeburgo.

E, ancora, cancellata la celebrazione di Capodanno di Hogmanay, appuntamento tradizionale a Edimburgo. Forti restrizioni, annullamenti di festeggiamenti e concerti anche in Belgio, Danimarca, Portogallo e in Spagna, dove salterà anche la festa tra le Ramblas di Barcellona. Sperando sia l’ultima volta.

Festeggiamento a Auckland (Ansa)

Festeggiamenti a Auckland (Ansa)