“Paolina Borghese” di Canova sfregiata: turista austriaco si siede sulla statua per un selfie

di Warsamé Dini Casali
Pubblicato il 3 Agosto 2020 9:46 | Ultimo aggiornamento: 3 Agosto 2020 10:02
La "Paolona Borghese" mutilata

“Paolina Borgese” di Possagno (Ansa)

Statua sfregiata, un capolavoro di Canova, per colpa di un tizio che voleva farsi un selfie, un turista austriaco che ci si è seduto sopra.

Un episodio increscioso e assurdo denunciato da Vittorio Sgarbi: un turista austriaco ha danneggiato una importante scultura di Antonio Canova. Nientemeno che La “Paolina Borghese”, custodita nel museo di Possagno (Treviso).

Paolina Borghese, il capolavoro di Canova a Possagno

Lo denuncia Vittorio Sgarbi che della “Fondazione Antonio Canova” è il presidente.

“Dopo la riapertura dei musei, e tra questi il Museo Gipsoteca di Possagno – racconta Sgarbi – si registra un episodio clamoroso.

Che non viene da visitatori italiani, né da extracomunitari, ma da un incosciente turista austriaco.

Davvero inaudito. “Il turista ha ritenuto di mettersi in posa per una foto di opportunità sedendosi sulla Paolina Borghese, spezzandole le dita del piede.

Chiedo chiarezza e rigore alle forze dell’ordine e alla magistratura, individuando con gli strumenti di sicurezza il vandalo incosciente.

E non consentendogli di rimanere impunito e di rientrare in patria. Lo sfregio a Canova è inaccettabile”, conclude poi Sgarbi.

Paolina Borghese come Venere vincitrice è una scultura neoclassica di Antonio Canova, eseguita tra il 1804 e il 1808. Paolina è raffigurata nelle sembianze di una Venere vincitrice. La donna, infatti, nella mano sinistra regge una mela che evoca la vittoria di Afrodite nel giudizio di Paride: quest’ultimo, nella mitologia greca, doveva scegliere a chi tra le dee Era, Atena ed Afrodite assegnare un pomo d’oro con sopra inciso “Alla più bella”, e Paride lo concesse proprio alla dea dell’amore. (Fonte Ansa).