Pearl Harbor 7 dicembre 1941: 71 anni fa l’attacco portò gli Usa in guerra

Pubblicato il 7 Dicembre 2012 16:18 | Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2012 16:18

(foto LaPresse)

ROMA – Il 7 dicembre 1941 il Giappone attaccarono la base navale statunitense di Pearl Harbor. L’episodio segnò l’ingresso ufficiale degli USA nella seconda guerra mondiale.

L’attacco, condotto da una forza di 353 Aeroplani imbarcati su portaerei, aveva potuto avvalersi di un totale effetto sorpresa, ed era stato eseguito in modo molto professionale dai piloti giapponesi, che avevano realizzato un piano minuziosamente studiato da lungo tempo.

In tal modo, con perdite trascurabili, la Marina Imperiale Giapponese aveva inferto un colpo devastante a quello che era stato lucidamente individuato come il più temibile avversario che il Giappone si sarebbe trovato davanti nella sua politica espansionista nel Pacifico, e cioè gli Stati Uniti d’ America. La Flotta Americana del Pacifico aveva infatti subito danni ingentissimi, con ben diciotto navi messe più o meno a lungo fuori combattimento. Anche le perdite umane erano state assai elevate, 2403 morti e 1178 feriti.