“Perché Italia è così… sporca, razzista, corrotta?”: come ci cercano su Google

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 gennaio 2014 19:32 | Ultimo aggiornamento: 28 gennaio 2014 19:32

ROMA – “Sporca, meravigliosa, razzista e corrotta”. Sono questi gli aggettivi che la funzione di completamento automatico su Google suggerisce a chi prova a fare ricerche sull’Italia. La frase standard sulla quale la rivista The Atlantic si è esercitata è “Why is [county] so…”. In pratica provando a digitare sul motore di ricerca “Perché il Paese X è…” l’utente si imbatte in una lista di suggerimenti che indicano le frasi più cercate in precedenza sullo stesso argomento.

Matthew O’Brien, autore dell’articolo apparso su The Atlantic, lo ha fatto per tutti i Paesi del mondo. Ne ha pure ricavato una mappa degli aggettivi sull’Europa: su quasi tutti i Paesi ex comunisti campeggia la parola “poor” (poveri) a sottolinearne il fallimento storico. Ma sull’Italia spicca l’infamante parola “Razzista“.

In realtà, a ben guardare, digitando la frase di rito sull’Italia, il primo aggettivo pescato da Google è “dirty” (sporca, ndr). Segue un più meritvole “meravigliosa”. La parola “racist” (razzista, ndr) riportata sulla mappa compare solo in terza posizione. Seguita da un altrettanto disonorevole “corrotta”.