Pippo Civati a cena con esponenti M5s: la foto online e lui si arrabbia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Gennaio 2015 18:35 | Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2015 18:35

ROMA – Pippo Civati parla con alcuni ex 5 stelle in un ristorante romano. La foto gira su internet ed è stata scattata da un paparazzo. L’incontro avviene subito dopo l’addio di altri nove deputati del movimento fondato da Grillo e un utente, dopo aver visto la foto, ha prontamente commentato:  “Ecco una bella foto di come in un ristorante adiacente al Senato i nostri ex Parlamentari Romani, Pepe, Bignami, Casaletto, prendano accordi su come votare per l’elezione del Presidente della Repubblica con il “Pontiere” Giuseppe Civati. Foto presa ieri sera di nascosto”. L’esponente di minoranza dem non ha però gradito quel “prendano accordi”, è andato su tutte le furie ed ha subito risposto spiegando,  sul suo blog, quello che è realmente accaduto:

“Un ristorante di Roma, un tavolo con parlamentari Pd, un altro con ex 5 stelle e uno con grillini ortodossi doc. La televisione trasmetteva la partita del Napoli e siccome nel mondo si è tutti un po’ civili c’è chi si saluta all’interno di quel ristorante. Nella pizzeria, scelta solo per la ragione calcistica di cui sopra, abbiamo incontrato un tavolo di ex-parlamentari del M5s (non ricordo se espulsi o dimissionari, persone che conosco come tutti i colleghi), un tavolo di parlamentari del M5s, tra cui Roberto Fico (nella stessa sala del precedente, cito Fico perché è il più noto) e un altro tavolo, alle spalle del nostro, a cui si sarebbe seduto, di lì a poco, Vito Crimi, con un altro gruppo di colleghi che non ho il piacere di conoscere. Uscendo a telefonare mi sono intrattenuto con gli ex-5s, dopo aver salutato i 5s, ed essermi seduto nuovamente per salutare anche gli altri 5s che si trovavano nello stesso ristorante”.

“C’è stato un attimo di tensione, è vero, quando Pastorino sul 2 a 1 per il Napoli si è detto deluso (eufemismo) contestando la decisione dell’arbitro che ha decretato un rigore molto dubbio, che faceva seguito a un gol, a favore del Napoli, altrettanto discutibile (almeno a detta del Pastorino). Si è rivolto quindi a Fico, napoletano, con quelli che è meglio definire «suoni non udibili». Ma si scherzava, ovviamente, essendo noi sostenitori di un calcio gentile, di un tifo appassionato ma mai violento, di una passione che ci piace condividere con tutti (5s, ex, neo e tutte le categorie delle persone che abbiamo intorno). «Il commento riportato su Twitter – spiega Civati – è talmente grave che ha bisogno di elementi per essere sostenuto anche in tribunale, nel caso. Tra l’altro, si tratta di una questione (compravendita di parlamentari) divenuta famosa in occasione di un precedente governo». Ma sopratutto… Frequentiamo posti normali, proprio come i grillini. Solo non facciamo foto, se non ai compleanni”.