Radio Maria, su Facebook la carta d’identità di Gesù FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 Ottobre 2019 13:50 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2019 13:50
carta identita gesu

La carta d’identità di Gesù

ROMA – Sulla pagina Facebook di Radio Maria appare la carta d’identità italiana di Gesù. Il documento anagrafico è tutto da ridere: Gesù viene descritto con i capelli “divini”, la statura “alta”, gli occhi “pieni di luce” e con la cittadinanza “in Cielo, in terra e in ogni luogo”. Il ritratto è invece quello classico che accompagna sempre il volto del figlio di Dio.

Nonostante sia nato a Betlemme nella data simbolica del 25 dicembre in Palestina, Gesù di Nazareth avrebbe ricevuto una ipotetica carta di identità italiana. La via di residenza nella “città” Regno dei Cieli è ovviamente via del Paradiso, strada che in molte città italiane esiste davvero. La carta di identità è ricca di segni particolari. Su Facebook, nell’illustrarla si legge che Gesù è “salvezza per tutti, è pane per la nostra fame” e “vino per la nostra festa”. L’impronta non manca e guarda caso è la Sacra Sindone.

Il post decisamente inusuale è chiaramente ironico ed ha divertito molto i seguaci della pagina. Non sono però mancati i commenti negativi. Gesù “detto il Cristo Figlio di Maria” ha ricevuto commenti pieni di colori, diversi messaggi d’amore e invocazioni varie tra cui “Gesù aiutaci aiuta tutto il mondo” e “Gesù abbi pietà di noi. Qui non si capisce più niente. Intervieni con la tua potenza”.

Tra quelli che non hanno gradito c’è chi ha accusato Radio Maria di aver avuto una sorta di “svolta trash”. Altri hanno trovato il post di cattivo gusto: “Non ha bisogno, ne il credente ne gesù Cristo, di questa cosa che avete pubblicato: veramente di cattivo gusto!”. Un utente non l’ha presa affatto bene e ci è andato giù pesante, invitando Radio Maria a seguire con più scrupolo il terzo dei Dieci Comandamenti, ossia “Non usare il nome di Dio invano”. 

Fonte: Facebook

carta identità radio maria

La carta d’identità di Gesù pubblicata su Facebook da Radio Maria