Renzi gioca alla Playstation con Orfini FOTO Finta serenità, Pd non fa festa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Giugno 2015 8:22 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2015 8:29

ROMA – Matteo Renzi gioca alla Playstation con Matteo Orfini: il segretario (nonché premier) e il presidente del Pd fingono serenità mentre aspettano il risultato delle elezioni regionali. Un risultato che non può essere soddisfacente per il Partito Democratico, a un solo anno dal plebiscito del 40 e passa percento alle Europee. Soprattutto, per un De Luca che vince in Campania, c’è una Liguria da consegnare al centrodestra, anzi proprio a Berlusconi, visto che Giovanni Toti è proprio il candidato calato direttamente dal leader di Forza Italia.

Come spiega un retroscena (quando i risultati non erano ancora definitivi) di Alberto Gentili sul Messaggero: Per il premier-segretario, il tonfo di Raffaella Paita, battuta secondo le proiezioni da Giovanni Toti, «è la prova che esiste una sinistra tafazzista». Che c’è davvero «il bertinottismo 2.0, capace di far perdere il partito e di far vincere la destra». «In Liguria ha pesato la divisione a sinistra, la sfida di Pastorino ha avuto come unico risultato quello di favorire la destra», certifica amaro il presidente Matteo Orfini che Renzi, nell’attesa dei risultati, sfida a play-station. E ne diffonde la foto per manifestare «sereno distacco».

Eppure, lo smacco per il premier-segretario è «grande». Per questo, rinchiuso nella sede del Nazareno con Orfini, Guerini, Maria Elena Boschi, Ettore Rosato, ripete fino alla noia, «aspettiamo i dati definitivi, non fermiamoci ai primi numeri». Anche perché, se come sembra la sconfitta della Paita dovesse essere confermata, i ribelli guidati da Bersani, D’Alema e Bindi, prenderebbero coraggio. In Senato, dove la maggioranza è risicata, sarebbero guai.

«Stanno usando la Liguria per regolare i conti», aveva detto giovedì il premier-segretario. E i conti, adesso, sembrano essere stati regolati a vantaggio dei ribelli e si fa concreta la possibilità della nascita di un partito di sinistra-sinistra. «Ma adesso si fa chiarezza, basta con il fair-play. Chi ha remato contro dovrà pagarne il prezzo…», tuona il premier-segretario. Insomma, basta con la gestione simil-unitaria. «D’ora in poi comanderà Matteo e non guarderà più in faccia a nessuno…», prevedono al Nazareno.

Renzi gioca alla Playstation con Orfini FOTO Finta serenità, Pd insoddisfatto

Renzi gioca alla Playstation con Orfini FOTO Finta serenità, Pd insoddisfatto (foto Twitter)