Roma, fascisti contro logo “Rome & You”: urla e saluti romani FOTO/VIDEO

di Simona Tagliaventi (ANSA)
Pubblicato il 17 febbraio 2015 22:09 | Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2015 22:10

(ANSA) – ROMA – Fino ad oggi (17 febbraio, ndr) il nuovo logo di Roma Capitale destinato a promuovere l’immagine della città eterna all’estero aveva provocato delle dispute accese, e in molti, soprattutto nel centrodestra, hanno bocciato il nuovo design stilizzato e all’insegna dell’inglese con “Rome & You”.

Ma nella seduta odierna del Consiglio comunale dalle parole si è passati ai fatti: un gruppo di militanti del Fronte della Gioventù ha fatto in aula saluti romani al grido di “mercenari”. “Il simbolo scudato con Spqr rappresenta le nostre radici”, era scritto su alcuni volantini gettati in aula. Ad intervenire per fermare la protesta commessi e vigili urbani. La presidente dell’assemblea capitolina Valeria Baglio, prima di interrompere per alcuni minuti la seduta, ha chiesto di “identificare tutte le persone che hanno fatto il saluto fascista in Aula Giulio Cesare”.

I manifestanti durante il blitz hanno lanciato in aria dei volantini. “I ragazzi del Fronte della gioventù – si legge su uno di questi – si oppongono fortemente alla sostituzione del simbolo storico di Roma. Riteniamo che la mentalità politicamente corretta del sindaco Marino e della sua giunta non potrà mai infangare l’orgoglio romano con un simbolo squallido, banale e progressista, che cancella anni e anni di storia. Il simbolo scudato con croce Spqr rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e la nostra tradizione”. Presenti anche gli attivisti di Fdi-An di ‘Aurora Boreale’ e ‘Generazione Identitaria’ che hanno protestato esponendo cartelli con scritto ‘No al nuovo logo di Roma Capitale’, ‘Marino Rom and You’, ‘Marino go home’, ‘A Marino facce Tarzan’.

Immediata la condanna del gesto da parte del coordinatore della maggioranza Fabrizio Panecaldo: “Al di là del mio parere sul logo relazionale di Roma Capitale, venire in aula per manifestare la propria contrarietà accompagnandola con il saluto fascista è un atto da stigmatizzare e censurare. Al centrodestra, i cui riferimenti culturali sono quelli del fascismo, ricordo che Roma è medaglia d’oro alla Resistenza”.

5 x 1000

Il video dal Corriere della Sera