foto notizie

Roma, sciopero manutentori macchine obliteratrici: Atac non paga addetti FOTO

ROMA – A Roma scioperano i manutentori delle macchine obliteratrici ed emettitrici della metropolitana. I passeggeri hanno trovato questo volantino appeso sulla porta dei vagoni in cui viene spiegato che gli addetti della Sigma e Saima, le aziende che gestiscono per conto dell’Atac le macchinette che emettono i biglietti verranno licenziati a causa dei mancati pagamenti dell’Atac, l’azienda pubblica che a Roma gestisce i trasporti.

Nel volantino, i tecnici si scusano per il fatto che “il varco non si apre, il biglietto non verrà obliterato, se le macchine non emettono biglietti, se gli interventi non saranno tempestivi e risolutivi, se la sicurezza delle macchine non sarà mantenuta, se le componenti guaste o usurate non saranno sostituite”.

In una nota Susanna Felicetti, segreteria generale della Fiom Cgil Roma Centro Ovest Litoranea, rende noto che

“considerato il perdurare dell’intenzione di Saima e Sigma di procedere ai licenziamenti e cessare le attività per Atac dal prossimo 1 ottobre” è stato indetto un sciopero che andrà avanti sino alla scadenza dell’appalto. I 34 lavoratori, che si occupano delle attività di manutenzione delle macchine emettitrici e obliteratrici installate presso le stazioni della metropolitana di Roma, – chiedono ad Atac e al Comune di Roma, che ha promesso una convocazione a breve, di farsi carico del problema degli appalti di Atac e delle conseguenze che il mancato pagamento delle fatture fin da gennaio 2017 sta provocando”.

Prosegue la nota:

“Le dichiarazioni di Atac, infatti, che riferirebbero di un confronto con le due aziende finalizzato alla risoluzione dei problemi dopo una verifica compiuta con le società stesse, non corrisponderebbero al vero. Quello che risulta ai lavoratori, invece, sarebbe il tentativo di far intervenire sugli impianti personale interno all’Atac, privo delle competenze necessarie. Sono quindi facilmente prevedibili le conseguenze della mancata manutenzione dell’obsoleto parco macchine, biglietterie e varchi, in un servizio di trasporto metropolitano già gravato da numerosi problemi”.

(Foto Blitz Quotidiano)

 

To Top