Salvini a Napoli: gli immigrati si fanno i selfie con lui FOTO-VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 ottobre 2018 12:17 | Ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2018 12:49
Salvini a Napoli: gli immigrati si fanno i selfie con lui122

Salvini a Napoli: gli immigrati si fanno i selfie con lui (Foto Ansa)

NAPOLI – Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è giunto a Napoli, nel quartiere del Vasto, ed è stato applaudito dai balconi del quartiere. Il ministro è stato poi fermato da alcuni migranti che gli hanno chiesto di scattare dei selfie insieme. Questa l’accoglienza riservata in via Milano al vicepremier, che si è poi recato nella chiesa del Buon Consiglio per incontrare il parroco, don Vincenzo Balzano. Alcune donne hanno urlato “Matteo, Matteo aiutaci” riferendosi alla situazione che si registra nel rione.

“Al di là delle belle parole mi impegno entro la fine e dell’anno a portare cento uomini delle forze dell’ordine a Napoli per controllare via per via, palazzo per palazzo”, ha detto Salvini, al termine dell’incontro con il parroco del Rione Vasto a Napoli. “Nel quartiere – del Vasto – ha aggiunto Salvini – siamo già scesi da mille a seicento immigrati, l’obiettivo è di arrivare a zero irregolari”.

Intanto sono stati affissi, nei giorni scorsi ed anche durante la notte, manifesti contro l’arrivo del ministro dell’Interno. Sui manifesti, uno dei quali affisso in via Verdi, poco distante dal Comune di Napoli e dalla sede del Consiglio comunale, uno dei cori che Salvini aveva intonato in occasione della festa della Lega a Pontida nel 2009: “Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivando i napoletani. O colerosi, terremotati, voi col sapone non vi siete mai lavati”. E, poco più in basso, come un post-it, sullo sfondo del golfo: “Napoli non dimentica”. Il ministro dell’Interno è atteso in città dove presiederà, in Prefettura, un Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza.

Salvini ha preso parte alla riunione del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza cominciato alle 11 di oggi, martedì 2 ottobre, in Prefettura (foto Ansa). 

(Video Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev)