Sanremo, look sobrio. Littizzetto stile “Crazy Horse”, Casta in abito bianco (foto)

Di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 febbraio 2014 12:32 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2014 12:32

SANREMO – Rigore e sensualità, discreta eleganza e colori sobri. A parte i costumi di scena per l’ingresso di Luciana Littizzetto in stile “Crazy Horse” e l’abito bianco on una catenella monospalla di Laetitia Casta, la prima giornata del Festival di Sanremo non propone look stravolgenti, scolli esagerati e spacchi inguinali (come quello che mostrò la farfallina di Belen.

Non ci sono tanga in visita (come quello che mostrò Anna Oxa nel 1999) o minigonne esagerate (come quelle di Syria), ma neanche look ‘trasandati’ come quello che scelse Dolcenera. E’ la giornata del gusto discreto del vestire, dell’eleganza sobria, dei completi minimal per gli uomini e degli abiti lunghi e neri delle donne, ma anche dei rossetti rosso fuoco, come quelli scelti da Antonella Ruggiero, Arisa e Giusy Ferreri.

I big in gara hanno puntato sulla sobrietà, senza troppe stravaganze, semmai i momenti più esuberanti dal punto di vista stilistico si possono attribuire agli ospiti, in primis Laetitia Casta: dall’abito Haute Couture Givenchy al costume per l’omaggio ai 60 anni della tv e al varietà con corsetto in raso, culotte e stivali cuissards.

O a Raffaella Carrà che mentre ‘rianimava’ l’Ariston con la sua ‘Ciao Ciao Ciao’ ondeggiava sui suoi tacchi alti vestita con pantaloni neri a sigaretta con bande in vernice, gilet di borchie e guantini in pelle. ”Ma se una donna non si diverte con i vestiti?”, dice a Fazio, che ricorda i suoi costumi più noti. Ma c’è anche lo shocking, il rosa shocking, della co-conduttrice Luciana Littizzetto-Bluebell vestita con una tutina rosa carne trasparente decorata con cristalli, reggiseno a balconcino con una serie di roselline sul decolté che accolgono una mini statuetta che raffigura Vincenzo Mollica; la gonna è tutto uno svolazzare di piume di struzzo.

Ma è solo un momento, dopo lo show la Littizzetto si infila nel suo lungo abito nero con scollo profondo, decisamente piu’ rigoroso ma sensuale, firmato Gucci. Il più sobrio di tutti è  certamente Fabio Fazio con il suo completo di Ennio Capasa per Costume National. Ancor più rigoroso quando cambia look e si infila un lupetto nero.”Mi sono vestito da esistenzialista francese”, dice; ”pensavo da nutria”, ribatte la Littizzetto. E’ il look che introduce l’ingresso di Laetitia Casta con il suo sontuoso abito bianco con catenella monospalla e gonna finemente lavorata con profondo spacco centrale, accompagnato da guanti di raso bianco.

Gli artisti in gara invece decidono di rompere gli schemi con piccoli dettagli. Arisa, che scende la scalinata con un taglio di capelli che tanto ricorda la ”Sabrina” interpretata da Audrey Hepburn, si toglie le scarpe mentre suonano le note della sua seconda canzone ”Controvento” e canta scalza. Il rapper Frankie Hi Nrg sceglie un completo nero ‘comodo” ma invece della camicia indossa una semplice T-shirt, sneakers e RayBan con le aste rosse. Raphael Gualazzi in smoking rompe gli schemi con The Bloody Beetroots, che si presenta con la maschera del personaggio Venon sul viso. Poi è  tutto rigore: completo nero è quello di Cristiano De Andrè, così come sono in nero i completi scelti Antonella Ruggiero, Giusy Ferreri (Just Cavalli) e dal gruppo I Perturbazione. Sexy in lungo nero con pizzi trasparenti e spacchi profondi anche le due tuffatrici Tania Cagnotto e Francesca Dallaè. Un po’ di colore arriva con l’attrice Cristiana Capotondi, con un lungo abito oro firmato Dolce & Gabbana.

Tutte le foto degli abiti della prima serata del Festival di Sanremo (foto LaPresse)