Scuole più sicure: Trento prima, Roma al 66° posto. La classifica

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 novembre 2014 12:44 | Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2014 12:57

ROMA – Tra le città capoluogo con gli edifici scolastici più sicuri al primo posto c’è Trento, seguita da Pordenone e Forlì , salite rispettivamente di due e cinque posizioni rispetto allo scorso anno. Al quarto posto Prato, poi Reggio Emilia, Piacenza, Sondrio, Bergamo, Verbania e Bolzano.

Oltre 41mila edifici scolastici in tutta Italia hanno bisogno di interventi di riqualificazione e messa in sicurezza, come emerge dalla quindicesima edizione di “Ecosistema Scuola”, l’indagine annuale di Legambiente sulle strutture e i servizi della scuola.

L’Emilia Romagna è la regione più rappresentata nelle prime posizioni con tre province nella top ten. La prima provincia del Sud è Lecce, al ventunesimo posto. Ad aprire la graduatoria delle grandi città c’è Firenze (17º), seguita da Torino (23º), Milano (36º) e Napoli (39º). Solo al 66° posto Roma.

La fotografia scattata da Legambiente è poco rassicurante: il 58% delle scuole è stato costruito prima dell’entrata in vigore della normativa antisismica del 1974. Il 32,5% necessita di interventi urgenti di manutenzione. Il 9,8% degli edifici si trova in aree a rischio idrogeologico, il 41,2% in aree a rischio sismico e l’8,4% a rischio vulcanico. Calano gli edifici dotati dei certificati essenziali come quello della prevenzione incendi (30,9%), mentre solo il 22,2% sono le scuole dove è stata effettuata la verifica di vulnerabilità sismica.

La classifica:

(Escluse dalla graduatoria per incompletezza dei dati: Ascoli Piceno, Chieti, Cosenza, Messina, Monza, Nuoro, Oristano, Siracusa, Teramo, Udine).

Scuole più sicure: Trento prima, Roma al 66° posto. La classifica

Scuole più sicure: Trento prima, Roma al 66° posto. La classifica