Salvini, posto riservato al Quirinale ma lui: “Non invitato”. Manfrina FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 febbraio 2015 12:09 | Ultimo aggiornamento: 3 febbraio 2015 18:47

ROMA – Silvio Berlusconi e Matteo Salvini avrebbero dovuto sedere l’uno accanto all’altro nella cerimonia al Quirinale che apre il settennato di Sergio Mattarella. Il cerimoniale aveva assegnato ai due leader politici del centrodestra due posti in sesta fila, poco distanti da quelli della famiglia Mattarella, cui sono riservati undici posti a sedere. “Con Salvini parlo solo di Milan” ha risposto Silvio Berlusconi a chi gli chiedeva del fatto che il suo posto a sedere nella sala dei Corazzieri al Quirinale sia stato posta vicino a quella del leader della Lega. Il leader della Lega ha invece spiegato a Radio Padania: “Non commento i discorsi, commenterò i fatti. Non sono a Roma, c’è la targhetta su un posto ma non mi hanno chiamato, non lo sapevo. Se Mattarella saluta anche la redazione di Radio Padania libera, vado a Roma ad abbracciarlo”. Nella cerimonia il posto riservato però c’era e quindi appare difficile che Salvini non sia stato invitato.

Il segretario della Lega Nord ci teneva a non esserci perché impegnato ad organizzare la manifestazione che si terrà a Roma il prossimo 28 febbraio per, come ha spiegato nei giorni scorsi, “mandare a casa Renzi, ribaltare tutto e riprenderci il futuro”. Rendere omaggio al nuovo Presidente della Repubblica, oggi non avrebbe quindi fatto gioco alla sua immagine politica. E a Radio Padania qualcuno gli ha chiesto se incontrerà Mattarella. E Salvini ha risposto: “Ma certo, ho incontrato anche Renzi”. Salvini ha poi aggiunto che di Mattarella ”non mi piace il percorso politico. Uno che è cresciuto a pane e Andreotti, De Mita e D’Alema non è il mio rappresentante ideale, però vediamo. Ci sono alcuni decreti di Renzi che gridano vendetta al mondo, vediamo se li ferma”. Poi ha parlato anche del possibile incontro proprio con il premier: “No comment – ha detto Salvini – Se uno non mi sta simpatico, io non riesco a sorridere e abbracciarlo”.

 

Sergio Mattarella, Berlusconi e Salvini posti vicini a cerimonia Quirinale

Le sedie vicine (foto Blitz Quotidiano)

5 x 1000