In sovrappeso partecipa alla corsa, speaker lo deride: “Insulto all’atletica” FOTO. Web lo difende

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 febbraio 2018 5:28 | Ultimo aggiornamento: 13 febbraio 2018 10:27

SAN VITTORE OLONA –  Marco Ascari è un giovane avvocato biellese residente a Cossato. Ascari è sovrappeso ma non si è dato per vinto ed ha voluto partecipare alla gara di corsa campestre Cinque Mulini in corso a San Vittore Olona, provincia di Milano.

L’avvocato avrebbe voluto iscriversi alla prova amatoriale ma per un disguido si è trovato a gareggiare tra i professionisti. Marco non si è tirato indietro: ha concluso un giro al suo passo e invece che essere applaudito per il coraggio nello sfidare i big del podismo, è stato deriso dallo speaker della manifestazione, che lo avrebbe definito “insulto all’atletica” e “quello che vedete non è sport”. La notizia è stata ripresa dai social, scatenando le reazioni dei tanti appassionati. Ecco il commento riportato, ad esempio, sul blog Bio Correndo:

“Faccio una mia piccola riflessione.

Oggi ho provato a mettermi nei panni di un ragazzo e vorrei che provaste a farlo anche voi. Non voglio né fare la morale né cose del genere.. voglio solo condividere un mio stato d’animo che ho provato oggi.

PREMESSA: alla gara assoluta della 5 mulini possono partecipare TUTTI i tesserati fidal di quella categoria (nessuno escluso).

Oggi alla gara assoluta della 5 mulini un ragazzo, che soffre di obesità, al passaggio del primo km era ultimo.

Dalla tribuna si potevano vedere le immagini dalla Rai proiettate sul maxischermo e ad un certo punto, forse casualmente, lo hanno inquadrato.

Lo speaker ha commentato l’immagine definendola “un insulto all’atletica, questo che vedete non è sport..” e così via.

Praticamente, davanti a tutto il pubblico è stato deriso un ragazzo che semplicemente stava partecipando ad una gara.

Penso che questo speaker (se così possiamo definirlo) rovini solamente quello che è l’atletica e soprattutto lo sport in generale”.

Il mondo della corsa si è così schierato dalla sua parte di Corsari ed è nato anche l’hashtag #iosonomarcoascari. Sempre sul blog Bio Correndo, lo speaker Walter Brambilla si è difeso così:

” Non ho mai detto le parole mi vengono addebitate. Vero è che sono rimasto sorpreso nel vedere quel ragazzo, ma ho solo detto – Qualora avessi giocato a pallone non avrei incontrato Maradona -“.

Aggiunge Brambilla:

” Sono presente alla 5 Mulini da 37 anni. Ieri ho parlato per 6 ore e avrò intervistato 15 atleti. Non ho detto quelle parole e ciò che ho detto è da ritenersi quale una opinione personale senza alcun intento di derisione. Gli organizzatori avrebbero però potuto avvisarmi della sua presenza”.

In sovrappeso partecipa alla corsa, speaker lo deride: "Insulto all'atletica"

Marco Ascari durante la corsa

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other