Spot con Berlusconi, Nicole Minetti e Ruby: Ford India si scusa

Pubblicato il 26 Marzo 2013 17:41 | Ultimo aggiornamento: 26 Marzo 2013 17:41

MUMBAI (INDIA) – La consociata indiana del colosso automobilistico ‘Ford’ si è scusata pubblicamente con le donne per alcuni bozzetti pubblicitari della berlina Figo. Le pubblicità erano apparse nei giorni scorsi sul sito specializzato on-line ‘Ads of the World’: in una si vede al volante un Silvio Berlusconi che leva due dita della mano destra nel classico segno churchilliano della vittoria, mentre nel bagagliaio campeggiano tre ragazze procaci e semi-svestite, legate e imbavagliate, una che assomiglia parecchio a Nicole Minetti, un’altra a Ruby Rubacuori, mentre la terza è vestita da poliziotta, con palese allusione ai chiacchieratissimi festini di Arcore. Il tutto corredato dallo slogan ‘Dimentica le tue preoccupazioni con il portabagagli extra-large di Figo’.

Le scuse sono state rivolte al sesso femminile di un Paese ancora sotto choc per la straziante sorte della 23enne studentessa stuprata e seviziata da sei balordi il 16 dicembre scorso a New Delhi, e morta in ospedale a Singapore. Già ‘Ford Italia’ aveva preso le distanze dall’accaduto.

“Siamo profondamente dispiaciuti per questo incidente, e concordiamo con i nostri partner sul fatto che mai si sarebbe dovuto verificare”, recita adesso una nota distribuita ai mass media da ‘Ford India’. “Le immagini sono contrarie agli standard di professionalità e di decoro adottati da ‘Ford’ e dai suoi partner”. Tra questi in primo luogo il gigante della pubblicità ‘Jwt’ cui si debbono i bozzetti, nel complesso tre, e di proprietà del gruppo ‘Wpp’, che ha puntualizzato a sua volta come i disegni non fossero assolutamente stati concepiti per attività di tipo commerciale e, anzi, “mai sarebbero dovuti essere realizzati, tanto meno caricati su Internet”, anche se sembra invece che dovessero essere impiegati per cartelloni di ben 6 metri per 3.

Ford India ha infine assicurato che “sono in corso revisioni delle procedure di approvazione e di vigilanza” degli spot, onde evitare che episodi del genere “abbiano a ripetersi”. Il settore di mercato controllato dalla compagnia in India tra l’altro è piuttosto modesto e, lungi dall’ampliarsi con la commercializzazione di otto nuovo modelli (la Figo non è invece prevista per gli automobilisti italiani), rischia ora di ridursi ulteriormente per via di un tutt’altro che improbabile effetto-boomerang.

Quanto agli altri due bozzetti, analogo ne è il tenore. In uno si vede infatti al posto di Berlusconi la celebre ereditiera Paris Hilton, che tiene immobilizzate nel bagagliaio Kim Kardashian, sua acerrima concorrente di gossip e mondanità, e le di lei sorelle nonché sodali Kourtney e Khloe’. Nell’ultimo, per lo meno meno ‘machista’, il ruolo dominante spetta a un raggiante Michael Schumacher, quello di ‘prede’ soggiogate ai colleghi piloti Sebastien Vettel, Lewis Hamilton e al ferrarista Fernando Alonso.