Supercoppa, Napoli batte Juve. Ma coi soldi vincono tutti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Dicembre 2014 9:02 | Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre 2014 9:08

ROMA – “Natale Napoli” titola la Gazzetta dello Sport il giorno dopo la vittoria della Supercoppa italiana della squadra di Rafa Benitez. Il Napoli ha vinto dopo 18 rigori (i tempi regolamentari si erano chiusi sul 2-2). Decisiva la doppietta di Higuain e le parate di Rafael dal dischetto. La Juventus di Allegri impatta così sul muro alzato da Benitez, al decimo trofeo in carriera. A vincere non è solo il Napoli ma è il calcio italiano. Due anni fa finì a palate di fango, come scrive la Gazzetta dello Sport, stavolta è uno show.

“Canta Napoli” scrive l’inviato della Gazzetta dello Sport, Pierfrancesco Archetti: “Ci sono ancora posti al mondo dove pagano le nostre squadre per vederle da vicino. Questa è una trasferta da tre milioni divisi per due, escluso il dieci per cento che va alla Lega”.

“Napoli, la Supercoppa è tua” è il titolo dell’edizione online del Mattino. In home page anche la festa dei tifosi napoletani per la città. “Se il paese vince” è il titolo dell’editoriale del direttore, Alessandro Barbano. “Due volte gira la barca di Ulisse nell’inferno  scrive Barbano – alla terza è inghiottita dalle acque. Due volte Napoleone cade nella polvere e due volte riconquista l’altare, per poi morire in esilio. Due volte il Napoli assaggia il dolore sordo di una pugnalata. E la terza? La terza ribalta il pronostico, il superbo dominio degli avversari, la neghittosità dei pali, la classe di Buffon. Tutto sovverte, il Napoli, nella notte di Doha. E insegue la cattiva sorte fino alla fine, la incalza con la freddezza di uno, due, tre, tanti rigori che vanno a segno, e non s’arrende finché non s’arrende l’avversario, la leggendaria, blasonata, ricca, fortunata, esperta, prediletta, aiutata, plurimedagliata Juventus”.