Teatro alla Scala, alla prima di Madama Butterfly pochi politici e vip FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 dicembre 2016 18:49 | Ultimo aggiornamento: 7 dicembre 2016 19:49
Teatro alla Scala, alla prima di Madama Butterfly pochi politici e vip FOTO

Teatro alla Scala, alla prima di Madama Butterfly pochi politici e vip FOTO

MILANO – Alle 18, dopo aver suonato l’Inno d’Italia, l’orchestra del Teatro alla Scala di Milano, diretta dal maestro Riccardo Chailly, ha suonato le prime note della Madama Butterfly, opera di Giacomo Puccini che inaugura la stagione scaligera 2016/17.

Come preannunciato alla vigilia, pochi gli esponenti politici nazionali, trattenuti a Roma, per gli impegni collegati alla crisi seguita al referendum costituzionale del 4 dicembre. Non è arrivato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, né il presidente del senato Pietro Grasso e il ministro della Cultura Dario Franceschini.

Sul palco reale, accanto al sindaco Beppe Sala e al governatore lombardo Roberto Maroni, quattro abitanti delle zone colpite dal terremoto degli ultimi mesi. Fuori dal teatro le manifestazioni dei centri sociali. Qualche fumogeno, lancio di ortaggi e lo striscione “Bella ciaone. E adesso cacciamoli tutti”, sistemato dai militanti del Cantiere che hanno preso in giro il dimissionario presidente del consiglio Renzi anche con maschere montate su alcuni manichini. Tra i manifestanti rappresentanti dei Cub (Confederazione unitaria di base) e pochi altri militanti del mondo antagonista milanese.

Una prima molto milanese quindi, con pochi vip e politici nazionali, ma con tutta l‘alta società meneghina, quella di Madama Butterfly questa sera alla Scala. Tra i primi ad arrivare il direttore di Radio Deejay Linus insieme alla moglie Carlotta, seguito dal presidente del tribunale dei minori Livia Pomodoro, dall’imprenditrice Diana Bracco, dalla stilista Lella Curiel insieme alla figlia Gigliola e poi le signore della Milano che conta come Laura Morino Teso, Daniela Javarone, Marinella Di Capua, Gabriella Dompé al braccio con Alfonso Signorini e Claudio Buccellati. Immancabile la presenza dell’etoile Carla Fracci così come quella di un’altra stella della danza come Roberto Bolle.

Dal mondo della musica Marcella Bella, da quello dell’imprenditoria Emma Marcegaglia e Alessandro Artom. In rappresentanza della politica l’ex premier Mario Monti e Corrado Passera con la moglie Giovanna Salza. Prima ‘prima’ anche per lo chef Carlo Cracco e la moglie Rosa, così come per l’ex re di Spagna Juan Carlos. Ormai degli habitué Giorgio Squinzi e il finanziere Francesco Micheli. Accolto dal sovrintendente Alexander Pereira l’ambasciatore del Giappone in Italia Kazuyoshi Umemoto insieme alla moglie Yoriko.

(Foto Ansa)