Tennis, Nadal batte Djokovic e vince gli Us Open 2013 (foto)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 settembre 2013 13:12 | Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2013 13:12

ROMA  – Us Open 2013: Rafa Nadal ha vinto gli Us Open 2013 di tennis battendo all’Arthur Ashe Stadium, Novak Djokovic.

Nadal ora può vantare un secondo titolo a Flushing Meadows, il 13 esimo in un torneo del Grande Slam, il 60 esimo in totale, di cui 10 nel 22013, illustrato da 60 vittorie su 63 match giocati. Un anno fa, gli Us Open li guardava in televisione, bloccato da un infortunio al ginocchio che l’ha tenuto lontano dai campi di gioco per sette mesi, probabilmente rimuginando su quale sarebbe stato il suo futuro.

Ora Rafa celebra il trionfo, conquistato in quattro intensi, appassionanti set (6-2 3-6 6-4 6-1), in tre ore e 21 minuti di battaglia; festeggia la 22 esima vittoria in 37 sfide contro il serbo e si conferma sempre più dominatore della stagione, a dispetto della classifica che lo vede secondo, per pochi punti, ma che appare orientata a consacrarlo di nuovo, dopo il 2008, re del tennis mondiale.

Conquistando il secondo titolo Slam della stagione dopo il Roland Garros (che ha vinto ben otto volte), il 27enne mancino di Maiorca, che fino alla sosta forzata per l’infortunio era fortissimo quasi esclusivamente sulla terra rossa, conferma il suo predominio anche sulle superfici dure, con 22 match consecutivi vinti nel 2013, che gli sono valsi i titoli a Indian Wells, Montreal, Cincinnati e, ora, New York.

Il match, bello e combattuto, sembrava chiaramente orientato dopo il primo set, vinto facilmente da Rafa. Ma nella seconda frazione Nole ha reagito con prepotenza, ottenendo il break del 4-2 dopo uno splendido scambio di ben 54 colpi, una lezione di tennis che ha mandato in visibilio i 23mila spettatori. Nel terzo set, un susseguirsi di break e controbreak, il serbo – alla quarta finale consecutiva a New York (nel 2010 e 2011 contro Nadal, la prima persa la seconda vinta; nel 2012, persa contro lo scozzese Andy Murray) – ha ceduto la battuta quando era in vantaggio 30-0 sul 4-5.

E’ stata la svolta: Rafa ha accelerato, in una progressione irresistibile che Djokovic, più giovane di lui di un anno, non è riuscito a contrastare. “Questo titolo ha un significato enorme per me, è un momento speciale”, ha detto il maiorchino. “Colpa mia, ho fatto errori diretti nei momenti cruciali del match e Rafa ha preso a giocare bene, merita sicuramente questo trofeo”, ha ammesso Djokovic. Con il trionfo di Nadal, sotto gli occhi della regina Sofia di Spagna – sua fan come Vika Azarenka, che si è convinta a tifare per lui dopo averlo visto allenarsi a torso nudo – cala il sipario sul quarto e ultimo torneo Slam della stagione. Ma le sfide tra Rafa e Nole continueranno. E resteranno negli annali del tennis.

(Foto Epa/Ansa)