Tennis: Rafael Nadal e Maria Sharapova vincono Indian Wells

Pubblicato il 18 Marzo 2013 11:43 | Ultimo aggiornamento: 18 Marzo 2013 11:52

ROMA, 18 MAR – Seicentesima partita vinta in carriera, 53 esimo titolo, terzo successo in quattro finali giocate dal ritorno alle competizioni dopo sette mesi di assenza per infortunio: si concentra in queste cifre straordinarie il trionfo di Rafael Nadal a Indian Wells, dove si è affermato, per la terza volta, battendo l’argentino Juan Martin Del Potro 4-6 6-3 6-4.

”E’ stato un anno molto difficile, i sette mesi di stop per infortunio e tutto quello che ho passato: questa è una delle vittorie più emozionanti della mia carriera”, ha commentato, felice, Nadal durante la cerimonia di premiazione.

La vittoria nel Bnp Paribas Open, primo Masters 1000 della stagione (con montepremi di 5 milioni di dollari), che segnava il suo ritorno sui campi in cemento dopo un anno, restituisce al 26enne mancino spagnolo il quarto posto nella classifica del tennis mondiale che il connazionale David Ferrer gli aveva sottratto, e costituisce un’iniezione di fiducia in vista dei prossimi impegni. Tra i quali non figura, in settimana, il torneo di Miami (Florida), secondo Masters 1000 del 2013.

”I medici mi consigliano di stare a casa per qualche settimana, riposarmi un po’ e continuare ad allenarmi nel modo giusto: ho bisogno di rafforzare il quadricipite della gamba sinistra”, ha spiegato Rafa. ”La competizione è dura per il fisico, così dopo quattro settimane fantastiche non posso andare a Miami”, ha aggiunto, precisando che i suoi prossimi tornei saranno Monte Carlo, Barcellona, Madrid e gli Internazionali di Roma (11-19 maggio). ”Da quando sono tornato vado avanti settimana dopo settimana”, ha sottolineato. E da quando, a inizio febbraio, è tornato, guarito dall’ infortunio al ginocchio sinistro, il maiorchino ha vinto 17 match perdendone uno solo (contro l’argentino Zeballos, in finale a Vina del Mar), e si aggiudicato – sulla terra rossa, sua superficie preferita – i tornei di San Paolo e Acapulco. Ora il trionfo nel deserto californiano, il terzo dopo 2007 e 2009, ottenuto dopo l’eliminazione dello svizzero Roger Federer, n. 2 mondiale e suo tradizionale rivale, e il ceco Tomas Berdych, n.6.

Ma va sottolineata anche l’impresa di Del Potro, n. 7 del ranking, che ha battuto nei quarti lo scozzese Andy Murray (n. 3) e in semifinale addirittura il re del tennis mondiale, il serbo Novak Djokovic, infliggendogli la prima sconfitta dopo 22 vittorie consecutive.

In campo femminile, Indian Wells ha visto il trionfo di Maria Sharapova, che si è imposta con un doppio 6-2 sulla danese Caroline Wozniacki, conquistando così il 28 esimo titolo in carriera. Grazie alla sua seconda vittoria in California (dopo quella del 2006), la 25enne russa, che nei quarti aveva eliminato l’azzurra Sara Errani, scalza dal 2/o posto del ranking Wta la bielorussa Victoria Azarenka, ritiratasi nei quarti per infortunio (n. 1 rimane l’americana Serena Williams, assente a Indian Wells).

(Foto LaPresse)