Terry Harvey: 16 figli, 18 ore di lavoro al giorno. E’ morto di infarto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2014 15:14 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2014 15:14

CARDIFF – Terry Harvey è morto stroncato da un infarto a 56 anni. Era un “super papà“, lavorava infatti 18 ore al giorno come operaio per mantenere i suoi 14 figli (altre due bimbe sono morte precocemente) e aiutare i 33 nipoti. E qualcuno a Cardiff, la sua città, ha notato quanto si sforzasse ogni giorno per portare a casa il denaro sufficiente a mantenere la sua famiglia davvero eccezionalmente numerosa.

Terry era sposato con Marie: si erano conosciuti nel 1979 e da allora avevano messo al mondo un figlio l’anno. Sedici in tutto, tra cui due bimbe morte prematuramente. Ecco tutti i figli di Terry: Machala, 36 anni, Leanne, 34, Tracey, 33, Samantha, 32, Christopher, 31, Colin, 29, Jodie, 28, Amy, 26, Kimberly, 25, Loretta, 23, Daniel, 22, Roxanne 21, Shikera, 18 e Shane, 15. E ancora Shiola, morta ad appena cinque giorni di vita, e Jessica che non ha visto neppure la luce.

Diciotto ore in fabbrica ogni giorno servivano a mantenere i tanti figli, e certo una famiglia così numerosa non permette tanti momenti di riposo. Ecco i consumi della famiglia di Terry in una settimana: 84 litri di latte, 28 pagnotte, quattro forme di formaggio,120 fette di prosciutto, 72 uova, 60 banane, mele e arance, un sacco di 50 Kg di patate, 24 lattine di fagioli, quattro bottiglie di ketchup, 400 bustine di tè, sette kg di zucchero, sette lattine di brodo di zucca, 36 rotoli di carta igienica, tre scatole di pastiglie per il lavaggio, 10 shampoo, cinque gel doccia e due tubetti di dentifricio.

 

Terry Harvey: 16 figli, 18 ore di lavoro al giorno. E' morto di infarto

La famiglia di Terry Harvey, con figli e nipotini