Il tesoro nazista. La mappa nascosta nello spartito musicale di Gottfried Federlein

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 settembre 2013 17:34 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2013 17:34

MILANO – Una mappa del tesoro, un codice nascosto in uno spartito del compositore Gottfried Federlein e che un tempo sarebbe appartenuta a Martin Bormann, uno dei più spietati gerarchi nazisti. Lo spartito della ” Marcia improvvisata” è poi  finito nelle mani di Leon Giesen, musicista e regista olandese di 51 anni. Leon Giesen, analizzando le parole in codice presenti sul documento, avrebbe individuato proprio a Mittenwald il luogo dove sarebbe nascosto il tesoro. A Mittenwald, in Austria, da qualche giorno sono partite le ricerche, la caccia al tesoro nazista. C’è una leggenda, dietro i codici svelati sullo spartito di Federlein. La storia racconta che nell’ultimo giorno della Seconda Guerra Mondiale Bormann avrebbe scarabocchiato sullo spartito alcune parole e disegni per indicare il luogo esatto in cui si trovava il tesoro.

Gottfried Federlein, un particolare del codice "segreto"

Gottfried Federlein, un particolare del codice “segreto”

Secondo Giesen le parole in codice indicherebbero chiaramente che le ricchezze si trovano nel luogo dove un tempo vi era il capolinea della stazione ferroviaria di Mittenwald. Fino ad oggi, nel paesino austriaco, però non è stato trovato nulla, solo ferri vecchi e alcuni metalli non identificati. Cauto resta lo storico Jürgen Proske che frena l’entusiasmo di Giesen: “Questi metalli non identificati potrebbe essere la cassa di un tesoro nascosto, ma anche semplici rottami finiti sottoterra”.