Tomasa Perez, la donna spagnola arruolata Isis insieme ai suoi 6 figli FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Dicembre 2014 12:55 | Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre 2014 12:55

MALAGA (SPAGNA) –Tomasa Perez è fuggita da Malaga in cui viveva per arruolarsi con l’Isis. La sua storia potrebbe essere una delle tante raccontate in questi mesi ma invece è molto più drammatica: la ragazza chiamata ora “la spagnola del Califfato” è infatti fuggita con i suoi sei figli: cinque maschi e una femmina.

I due più grandi, Muhammad Yasin e Musa Nosair, di 19 e 18 anni, sarebbero già stati arruolati dai combattenti dell’Isis, come racconta Ramon, il padre di Tomasa, al quotidiano El Mundo.

Tomasa ha 38 anni ed è moglie di un musulmano che ora si trova in carcere a Tangeri dove deve scontare una pena di dieci anni. Come racconta Il Messaggero il suo nome è

“Abdelah Ahram: il suo nome compare anche nelle carte di Wikileaks come componente di un gruppo terrorista che si finanziava con il narcotraffico”.

Tomasa, racconta ancora Il Messaggero

“lo conobbe a diciassette anni e da quel momento la sua vita di adolescente impegnata con ottimo profitto nella scuola cambiò radicalmente. Rimase subito incinta, indossò il velo. Poi una vita sempre nascosta, i legami con la famiglia interrotti, fino alla decisione di partire per la Siria con i figli, ai primi di dicembre, attraverso il Marocco e la Turchia, come annotano i servizi segreti spagnoli. Un fratello del marito sarebbe un affiliato dello Stato islamico. Si teme per la sorte di Yunes, l’unica figlia femmina, adolescente, destinata ad andare in sposa a un terrorista, come è usanza dei combattenti dell’Isis all’arrivo di giovani donne occidentali”.