Catania, bagno di folla per Toti Lombardo: “Io Trota? Macché, sono un pescespada”

Pubblicato il 4 ottobre 2012 14:26 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2012 14:26

(LaPresse)

CATANIA – La strada via Filippo Corridoni, la via che porta all’Odeon, è chiusa al traffico e, in centro a Catania, c’è grande attesa. E’ il momento della presentazione della candidatura a deputato regionale di Toti Lombardo, 24 anni, rampollo del presidente della Regione siciliana Raffaele. La sua presentazione è in rigoroso stile convention americana: macchinette elettriche, gadget e t-shirt con il volto sorridente del giovane che fa il suo ingresso in politica. “Liberi di crederci” il suo slogan. Quasi una provocazione per i tanti che lo aspettano e che, considerata l’età, conoscono più il padre che ormai si è assegnato una “terza vita” fuori dalla politica e di cui Toti è pronto a ereditare la grande messe di voti e influenze.

Sarà un momento di rottura. Lombardo jr si presenta con una lista in appoggio al candidato presidente Gianfranco Miccichè, sostenuto da Grande Sud, Partito dei siciliani-Mpa, Fli e Mps. Il maxischermo rimanda le immagini della sala dell’Odeon. In sottofondo la musica degli U2. Il rock è una delle passioni di Toti che arriva accompagnato dal papà.

Non si definisce un “‘Trota”, come il figlio del senatur, semmai un pescespada. “Bisogna essere pesce spada – dice Toti – e noi lo saremo ripercorrendo il solco del pescespada nella mitologia di Achille. Trota? banalita’ del nord per non dire nulla. Si tratta di una classica rappresentazione falsa della verita’”. A chi gli chiede se la sua sarà una candidatura di rottura, Toti Lombardo spiega: “Sarà un momento di rottura nel solco della continuità. Non chiederemo rivoluzioni, ma solo riforme”. Toti Lombardo ha anche parlato di famiglia: “Mio padre voleva questa candidatura, mamma no. Alla fine abbiano trovato l’unità. Le famiglie vere si ritrovano sempre nelle scelte importanti. E questa candidatura lo è”.

A sostenerlo in sala al cinema Odeon, ci sono oltre mille persone. In prima fila, tra gli altri, oltre a Raffaele Lombardo c’è anche lo zio-deputato Angelo, ed anche la nonna di Lombardo junior. Toti Lombardo ha abbracciato i suoi supporter e ha fatto il suo primo discorso davanti a un pubblico numeroso. “Faccio a mio nipote tanti auguri -ha detto invece Angelo Lombardo- anche perché oggi per entrare in politica ci vuole molto coraggio soprattutto in Sicilia. Mio nipote è un ragazzo eccezionale e spero che abbia più fortuna e che riesca a mettere al servizio dei siciliani l’impegno che ha già messo nel passato nel suo mondo giovanile”.