Usa, cinque anni per riscrivere la Bibbia a mano: Philip Patterson ce l’ha fatta

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 15 Maggio 2013 - 01:36 OLTRE 6 MESI FA

NEW YORK – Phillip Patterson, 4 anni fa ha iniziato a riscrivere tutta la Bibbia a mano. Sabato scorso,  scrivendo le ultime righe del libro dell’Apolisse, ha concluso la copiatura completa.

“Ho copiato ogni singola parola, ma ne è valsa la pena” ha detto Patterson, 63 anni. Davanti a lui, nella Chiesa Presbiteriana di San Pietro a Spencertown, c’era una folla di circa 125 persone che attendeva con entusiasmo la conclusione dell’evento. Patterson, dopo aver posato la penna ha concluso la cerimonia salutando i presenti con un “amen”.

Originario di Philmont, Philip nel 2009 ha iniziato a copiare la Bibbia con la sua ordinata calligrafia. Ha trascorso due anni copiando i primi cinque libri. Ora vuole impiegare un altro anno per rilegare a mano la sua Bibbia composta da circa 2400 pagine, che poi donerà a questa chiesa che si trova nello Stato di New York.

Patterson ha raccontato che ora si dovrà abituare di nuovo a vivere senza dover scrivere tutto il giorno. “Le mie dita sono a posto, non ho calli” ha aggiunto scherzando. Patterson ha avviato il progetto con “l’unico scopo di conoscere la Bibbia”.

La riscrittura lo ha aiutato a diventare più paziente, fiducioso e amorevole. Ogni tanto, si è dovuto fermare a causa dei suoi problemi di salute: Patterson infatti ha l’aids e soffre di anemia. Il disegnatore d’interni ora in pensione, per realizzare il suo strano e insolito progetto, ha lavorato fino a 14 ore al giorno.

(Foto Ap/LaPressee)