Usa, gigantesca spaccatura ai bordi vulcano Yellowstone FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Novembre 2015 17:10 | Ultimo aggiornamento: 2 Novembre 2015 17:16

BIGHORN (WYOMING, STATI UNITI) – Tra le montagne del Bighorn nello Stato americano del Wyoming, si è aperto uno squarcio che sorge ai bordi della caldera di Yellowstone.

La voragine è stata scoperta da una compagnia di caccia che opera tra gli Stati del Montana e del Wyoming e le immagini sono finite sul profilo Facebook della compagnia. “Questa gigantesca spaccatura nella crosta terrestre è apparsa nelle ultime due settimane all’improvviso. Credo che nessuno sappia cosa sia successo. Qui tutti la chiamano ‘Lo Squarcio’. E’ una vista incredibile” scrive Outfitter & Guides sul social.

Le autorità hanno ora avviato dei rilievi geologici per valutarne e comprenderne le possibili cause. Secondo i primi esperti interpellati, lo squarcio potrebbe essere una conseguenza delle abbondanti piogge cadute sulla zona la scorsa primavera. La spaccatura si estenderebbe per una lunghezza pari a sei campi di calcio e 45 in ampiezza. Si presenta con ripidi precipizi e torri massicce di terra.

La caldera di Yellowstone è la caldera di un supervulcano che si trova sotto il parco nazionale di Yellowstone nel nord-ovest del Wyoming. Fa parte di un parco che ha una zona considerata vulcanica dalle dimensioni grandissime: 55 per 72 chilometri di estensione. Si attribuisce a questo “supervulcano” la causa della formazione dello Snake River Plain, una sorta di canyon situato tra gli Stati del Wyoming, dell’Idaho, dell’Oregon e del Nevada. Nel corso di 17 milioni di anni la caldera ha generato una successione di violente eruzioni e colate di lava basaltica che avrebbero dato vita alla parte orientale dello Snake River Plain.