Varese, Michele Forzinetti vive su un cipresso per impedirne l’abbattimento FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 settembre 2014 13:49 | Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2014 13:49

VARESE, 14 SET – Per impedire che 16 alberi vengano tagliati, Michele Forzinetti vive da diversi giorni arrampicato a dieci metri di altezza su un cipresso nei Giardini Estensi nel centro di Varese.

Forzinetti, 27 anni, istruttore di fisica e esperto di arrampicata, hascelto questa singolare forma di protesta per difendere i cipressi che il comune ha deciso di abbattere. Il giovane passa giorno e notte su uno dei cipressi e spiega di non voler scendere “almeno fino al prossimo consiglio comunale”. Forzinetti sta ricevendo decine di messaggi di solidarietà. Sul suo profilo Facebook alcune foto documentano la sua battaglia.  Il giovane ha promesso di non scendere “almeno fino al prossimo consiglio comunale” che dopo la pausa estiva si dovrebbe riunire giovedì 18 settembre. Domenica scorsa intanto, l’assessore al Verde pubblico Stefano Clerici ha voluto incontrare l’istruttore di fisica.

Clerici ha spiegato le proprie ragioni:

“Nutro un massimo rispetto per tutti i cittadini e soprattutto per chi si mette in gioco. Quindi anche della sua protesta. Che tuttavia, a parer mio, è un po’ fine a stessa. È una protesta naturalistica, perché si basa essenzialmente sul fatto che nessun albero possa essere toccato in quanto albero. La rispetto, ma non la condivido. Ci sono due motivazioni, per cui vanno abbattute le piante. Una paesaggistica e una naturalistica”.

Il Comune punterebbe ad abbattere i cipressi per due motivi: uno riguarda il fatto che la crescita di questi alberi sta colpendo i vicini tassi, più antichi e quindi che necessitano più tutela secondo l’amministrazione. La seconda riguarda invece una questione più estetica, ovvero ripristinare il panorama coperto dai cipressi.