Vettel sta con le ombrelline: “Guai a chi le abolisce” FOTO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Giugno 2015 13:22 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2015 13:23

ROMA – Sebastian Vettel, in una lunga intervista rilasciata alla Bild, ha bocciato l’esperimento del GP di Monaco, dove sulla griglia di partenza hanno debuttato in F.1 i grid guys al posto delle ombrelline: “Ci sono tradizioni che dovrebbero andare avanti come quella delle grid girls. Personalmente preferisco che davanti alla mia auto prima della partenza ci sia una bella ragazza che non un uomo… E poi le ragazze si divertono, fanno volentieri il loro lavoro, nessuno le obbliga. Non la vedo come una cosa sessista”.

Vettel parla del suo rapporto con la Formula 1: “Sono da sempre un appassionato di questo sport. Ricordo ancora mio padre in piedi ad Hockenheim in fibrillazione ogni volta che una macchina si avvicinava alla tribuna dove eravamo seduti”. E ricorda anche la sua prima esperienza su una monoposto da F.1: “La prima volta ho avuto paura, lo ammetto. Prima le auto erano molto più difficili da gestire, ci volevano davvero due palle così per guidarle”. Seb poi racconta con entusiasmo i suoi primi mesi a Maranello: “Nessuna scuderia vanta un rapporto coi propri tifosi così stretto come la Ferrari”. E promuove il suo compagno di squadra: “Se non fossi un pilota, tiferei senza dubbio Kimi Raikkonen. È un campione, un fuoriclasse, anche se è poco appariscente e silenzioso”. (foto Lapresse).