Vittoria: treno travolge autobus incastrato sulle rotaie. Per fortuna erano scesi tutti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Novembre 2020 11:17 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2020 11:17
Vittoria: treno travolge autobus incastrato sulle rotaie. Per fortuna erano scesi tutti prima

Vittoria: treno travolge autobus incastrato sulle rotaie. Per fortuna erano scesi tutti (Foto Ansa)

Un treno travolge un autobus rimasto incastrato sulle rotaie a Vittoria: per fortuna non c’era nessuno a bordo.

Un treno ha travolto un autobus che era fermo sulle rotaie per la chiusura delle sbarre del passaggio a livello a Vittoria (Ragusa). L’autista dopo essere rimasto bloccato sulle rotaie ha fatto scendere tutti i passeggeri dal bus. Quindi l’incidente, avvenuto verso le 9 di martedì 3 novembre, non ha provocato feriti. 

Vittoria: treno travolge autobus incastrato sulle rotaie

Secondo una prima ricostruzione a causa dei controlli per l’istituzione della zona rossa (causa Covid) si è creata una lunga fila di automezzi in uscita dal paese che andavano lentamente. L’autobus di linea è rimasto quindi sulle rotaie senza possibilità di andare avanti o indietro. “Colpa” delle sbarre del passaggio a livello che si erano chiuse nei pressi della “Fontana della Pace”. L’autista del treno ha frenato ma non è riuscito ad evitare l’impatto.

Vittoria zona rossa per Covid

Il più grande mercato ortofrutticolo del Sud non si fermerà. Resterà attivo anche dal 3 al 10 novembre, il periodo fissato dal presidente della Regione Nello Musumeci nel decreto che ha istituito a Vittoria la zona rossa. Chiusura dovuta all’alta concentrazione di casi positivi al Covid. Sono oltre 500 su 63 mila abitanti (1250 in tutta la provincia).

Qui l’Asp di Ragusa ha rilevato su base provinciale il più alto rapporto tra positivi e numero di tamponi effettuati: il 20,66 per cento. L’alta diffusione pandemica, che ha stroncato anche il giornalista Gianni Molè segretario provinciale dell’Assostampa, sta intasando le strutture sanitarie.

Al punto che le aree grigie dei tre ospedali di Ragusa, Vittoria e Modica sono diventate il punto di accoglienza di pazienti in fila per il ricovero nei reparti Covid. Sono 65 i pazienti già accolti nel reparto malattie infettive di Ragusa e 13 sono ricoverati in terapia intensiva.

La risposta è stata un forte incremento dei controlli e dei test. “Stiamo effettuando – dice Vittorio Aliquò direttore dell’Asp di Ragusa – quasi 650 tamponi molecolari al giorno con picchi di 750”. L’istituzione della zona rossa comporta a Vittoria una limitazione dei movimenti e la cancellazione di eventi pubblici.

Ma non fermerà la campagna elettorale per le amministrative. A Vittoria, comune sciolto per infiltrazioni mafiose, si voterà il 22 e il 23 novembre. Tre dei quattro candidati sindaci hanno già chiesto un differimento della consultazione. Non chiuderà nemmeno il mercato ortofrutticolo. Da qui partono ogni giorno quasi 70 mezzi refrigerati che portano tonnellate di ortofrutta nei mercati di Fondi e dell’Italia centro-settentrionale.

All’interno del mercato, una struttura di circa 250 mila metri quadrati, operano 74 concessionari che occupano una decina di lavoratori in ogni stand. All’esterno c’è poi una rete di aziende addette al confezionamenti dei prodotti. (Fonte Ansa)