Vittorio Missoni, trovati altri resti dell’aereo a Los Roques (foto)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 settembre 2014 19:24 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2014 19:24

CARACAS – Il motore e gran parte della fusoliera dell’aereo in cui viaggiavano Vittorio Missoni, la moglie e altre quattro persone, precipitato il 4 gennaio 2013 al largo dell’arcipelago di Los Roques, sono stati tratti in salvo dai responsabili dei servizi di emergenza venezuelani. Lo ha reso noto la procuratrice generale del Venezuela, Luisa Ortega Diaz, su Twitter. Ortega Diaz ha pubblicato anche alcune foto dei resti ritrovati dell’aereo, un bimotore Islander numero YV2615,  nel quale viaggiavano Missoni, sua moglie Maurizia Castiglioni, e altri due italiani -Guido Foresti e Elda Scalvenzi- caduto in mare mentre volava verso l’aeroporto internazionale di Caracas.

Lo scorso 16 agosto la procuratrice generale aveva informato del ritrovamento di “nuovi resti dell’aeronave”. Cinque mesi dopo il tragico incidente, le autorità venezuelane avevano individuato il posto dove è precipitato l’aereo, a circa 13 miglia dall’isola Gran Roque -la principale dell’arcipelago- e 76 metri di profondità e nel novembre scorso Ortega Diaz ha annunciato l’identificazione dei corpi ritrovati. Oltre ai quattro italiani, nell’incidente sono morti il pilota e il copilota dell’apparecchio, Hernan Merchan e Juan Carlos Ferrer, ambedue venezuelani.

Vittorio Missoni, trovati altri resti dell'aereo a Los Roques (foto)

Vittorio Missoni, trovati altri resti dell’aereo a Los Roques (foto)