Voli maledetti: celebra l’amico pilota precipitato e muore anche lui (FOTO)

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 settembre 2014 13:02 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2014 13:04

SIENA – Stava compiendo acrobazie nei cieli sopra Siena per ricordare l’amico pilota, Francesco Fornabaio, precipitato solo pochi giorni fa sul Lido di Venezia. Ma Filippo Roncucci, 58 anni, è morto nello stesso modo: ha perso il controllo del biplano mentre si avvitava su sé stesso ed è caduto in picchiata schiantandosi al suolo a Colle Val d’Elsa. Con lui è morta anche la donna che lo accompagnava, una 42enne russa. Poco prima di toccare il suolo l’aereo ha preso fuoco: i due sono morti carbonizzati sotto gli occhi increduli di una trentina di amici riunitisi per commemorare Fornabaio.

La tragedia si è compiuta a pochi km da Mensanello, dove è sita la pista di atterraggio di cui Roncucci era proprietario. Fornabaio, l’amico compianto ed emulato, era un campione di volo acrobatico molto conosciuto e aveva più volte frequentato Mensanello.

Non è chiaro cosa sia accaduto; se il pilota abbia commesso un errore oppure se il velivolo, un Pitts modello 12 di tipo acrobatico, avesse qualche guasto passato inosservato. Certo è che si tratta del quarto incidente aereo nel giro di pochissimi giorni che induce una riflessione sulla sicurezza degli ultraleggeri. Una settimana fa Emanuele Vialardi si è schiantato su una pista nel Pavese in fase di atterraggio travolgendo uno spettatore. Due giorni dopo all’isola d’Elba sono precipitati un 37enne e il suo istruttore.

(Foto Ansa)