foto notizie

Zhang Yao morta sui binari: polizia sulle tracce di 3 giovani rom FOTO

Zhang Yao morta sui binari: polizia sulle tracce di 3 giovani rom

Zhang Yao morta sui binari: polizia sulle tracce di 3 giovani rom

ROMA – Si starebbe stringendo il cerchio attorno ai rapinatori di Zhang Yao, la studentessa cinese di 20 anni trovata morta due notti fa. La ragazza era scomparsa lunedì scorso a Roma dopo aver ritirato il permesso di soggiorno all’Ufficio Immigrazione di via Patini a Tor Cervara, periferia est della città.

La polizia starebbe sulle tracce di tre giovani o addirittura giovanissimi. La pista seguita dagli investigatori porterebbe agli ambienti nomadi. Poco distante dall’Ufficio della Questura c’è infatti l’insediamento di via Salviati. I tre, immortalati da una telecamera di videosorveglianza di un’azienda, le hanno rubato la borsetta di valore, con dentro il documento appena ritirato, e sono fuggiti a piedi.

Ritrovato anche il cellulare della studentessa nella zona in cui è stato scoperto il corpo. A quanto ricostruito, Zhang era al telefono con la coinquilina per chiederle aiuto dopo il furto subito quando è stata sbalzata in aria da un treno in transito ed è finita in un dirupo di circa 3 metri.

Il Campidoglio ha intanto preso contatti con la comunità cinese a Roma ed i familiari di Zhang Yao. Secondo quanto si apprende, nei prossimi giorni la sindaca Virginia Raggi vedrà il padre della ragazza e i rappresentati della comunità cinese.

“Diteci la verità di come è morta mia figlia” aveva chiesto a gran voce il papà della studentessa di 20 anni. “Non è possibile vivere nel terrore in pieno giorno – dice con la voce rotta dal pianto -. Ancora non riesco a credere che sia successo alla mia unica figlia. Vi prego, aiutateci a capire”. Il papà, oggi 11 dicembre ha partecipato al sit-in in memoria della ragazza che si è svolto a Tor Sapienza, quartiere che sorge non lontano dall’Ufficio Immigrazione di Roma e dal campo rom di via Salviati. Ecco le foto pubblicate dall’Ansa.

To Top