Luca Canali: confesso che ho molto barato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 ottobre 2013 6:42 | Ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2013 15:44
Luca Canali: confesso che ho molto barato

La copertina di “Autobiografia di un baro”, il libro più famoso di Luca Canali

Lei ha scritto, ora ripubblicato, quello che in molti ritengono il suo libro più bello: Autobiografia di un baro. Perché “baro”?
«Fa parte della psicologia insana. Spesso ho la sensazione di barare. Perché i miei strumenti intellettuali, le mie parole coprono un’infelicità, un dolore, un fallimento. Ho barato in politica perché dopotutto non me ne fregava più di tanto; ho barato in famiglia, come può fare un marito inadatto; ho barato all’università non riuscendo a dare ciò che avrei potuto, o nascondendo i miei limiti. Solo come infermo mi pare di avere agito senza trucchi».

Luca Canali, latinista ottantottenne, racconta la sua vita ad Antonio Gnoli. Intervista pubblicata su Repubblica del 29 settembre 2013