Squadra esce dal campo l’altra smette di giocare? No, vince 2-0 a tavolino

Pubblicato il 15 febbraio 2015 12:21 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2015 12:21
Squadra esce dal campo l'altra smette di giocare? No, vince 2-0 a tavolino

Claudio Petruccioli: Se una quadra esce dal campo, l’altra smette di giocare? No, vince 2-0 a tavolino

ROMA – Claudio Petruccioli, post comunista di grande esperienza (fu presidente della Rai e e direttore dell’Unità), ha rilanciato su Twitter questa massima:

“Una squadra esce dal campo l’altra non continua a giocare” No, vince 2-0 a tavolino”.

È dedicata, ovviamente, alla scelta di ritirarsi su un ideale Aventino fatta dagli oppositori delle riforme di Matteo Renzi. Renzi è stato lapidario:

“Noi andiamo avanti, votiamo le riforme. E se non ce la facciamo, non c’è problema: tutti a casa e andiamo a votare. Tanto io ho con me le tv e l’elettorato e stravinco comunque. Così facciamo anche un po’ di pulizia”.

Per essere sicuro di essere stato compreso, ha anche fatto circolare questa terna di ipotesi:

1. avanti con la sola maggioranza e il battiquorum ad ogni passaggio al Senato dove le truppe degli “stabilizzatori” guidati da Paolo Naccarato sono pronte ad intervenire

2. ricucire con Berlusconi che però non tiene più la sua maggioranza e ieri ha dato il via libera ai suoi di far saltare il tavolo del Nazareno;

3. il voto anticipato. Con l’Italicum 2.0. O il proporzionale puro del Consultellum.

Poi si è fatto anche un bel giro d’ispezione fra i banchi della Camera: senza cravatta, mani in tasca, a muso duro, perché tutti capissero.