Il vangelo secondo Gianroberto Casaleggio: la democrazia diretta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Giugno 2013 6:00 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2013 0:17
Il vangelo secondo Casaleggio: la democrazia diretta

Gianroberto Casaleggio (LaPresse)

“…La democrazia diretta, resa possibile dalla Rete, non è relativa soltanto alle consultazioni popolari, ma a una nuova centralità del cittadino nella società. Le organizzazioni politiche e sociali attuali saranno destrutturate, alcune scompariranno. La democrazia rappresentativa, per delega, perderà significato. È una rivoluzione prima culturale che tecnologica, per questo, spesso, non viene capita o viene banalizzata […]

Gli eletti devono comportarsi da portavoce, il loro compito è sviluppare il programma elettorale e mantenere gli impegni presi con chi li ha votati. Ogni collegio elettorale dovrebbe essere in grado di sfiduciare e quindi di far dimettere il parlamentare che si sottrae ai suoi obblighi in ognimomento attraverso referendum locali […]

La selezione deve essere fatta “dal basso”, dai cittadini, che propongono le persone più adatte e di cui conoscono la storia e le competenze. Va considerato che il concetto di leadership è estraneo alla democrazia diretta. I movimenti di democrazia diretta rifiutano il concetto di leader. Occupy Wall Street, per esempio, ha coniato per sé stesso il neologismo leaderless, senza leader”.

Gianroberto Casaleggio intervistato da Serena Danna, Corriere della Sera, inserto La Lettura, 23 giugno 2013.