Aidaa su dl Dignità: “Introdurre voucher e albo dog sitter”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 luglio 2018 7:15 | Ultimo aggiornamento: 24 luglio 2018 1:06
Aidaa chiede voucher e albo dog sitter nel dl Dignità

Aidaa su dl Dignità: “Introdurre voucher e albo dog sitter”

ROMA – Un voucher per chi possiede cani e gatti da dare al proprio dog sitter e un apposito albo. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Questa la richiesta dell’associazione animalista Aidaa per il decreto legge Dignità del governo di Giuseppe Conte e del ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

In Italia una famiglia su 5 possiede un cane complessivamente 7 milioni di famiglie possiedono cani e gatti e altri animali per la custodia e la gestione dei quali spesso ci si affida al dog o al cat sitter un mestiere in forte espansione ma che spesso nasconde insidie nella preparazione degli stessi assistenti per cani e gatti e spesso la retribuzione è in nero.

Secondo gli ultimi dati sulla pet economy le spese per il dog o cat sitter si pongono al secondo posto dopo quelle per il veterinario (escluso il cibo) per un giro complessivo di diversi milioni di euro di cui almeno la metà in nero e che interessa circa 54.000 tra cat e dog sitter che fanno di questa la loro prima professione, da qui la proposta di AIDAA al governo Conte ed in particolare al ministro del lavoro Di Maio perchè negli emendamenti al “decreto Dignità” trovi spazio anche una regolamentazione di questo lavoro con la realizzazione nel giro di qualche anno di un albo ufficiale dei dog e cat sitter e che per i pagamenti di questi lavoratori possano essere utilizzati i voucher in modo da rendere tracciabili i pagamenti ed allo stesso tempo combattere il lavoro nero.

“Crediamo esista lo spazio per questa introduzione nel decreto dignità per regolamentare anche il lavoro delle decine di migliaia di ragazzi e ragazze che spesso vivono o sopravvivono facendo i dog sitter la cui concentrazione maggiore si trova in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Piemonte facendolo emergere dal nero, ma sopratutto dando una specifica qualifica a chi questo lavoro lo fa con competenza rispetto a chi invece il lavoro lo fa al solo scopo di arrotondare e spesso senza il giusto amore per gli animali che deve accudire” cosi il presidente AIDAA Lorenzo Croce.