Balena morta a Capri, uccisa da un parassita e non dalla plastica VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Novembre 2020 9:54 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2020 9:54
Balena morta a Capri, uccisa da un parassita e non dalla plastica VIDEO

Balena morta a Capri, uccisa da un parassita e non dalla plastica VIDEO

Trovata una balena morta al largo delle acque dell’isola di Capri. Uccisa da un parassita e non dalla plastica ingerita.

Una balena morta a Capri. La carcassa ritrovata domenica vicino l’isola ma la balena era morta già da 10 giorni dice l’autopsia. Uccisa da un parassita e non dalla plastica ingerita come si pensava in un primo momento. Il recupero è durato un’intera giornata e i resti del cetaceo approdato sulle coste dell’isola del golfo di Napoli sono stati consegnati al personale sanitario.

Ci è voluta un’intera giornata di lavoro per recuperare il grosso animale che galleggiava nella zona di Anacapri. All’azione hanno partecipato i marinai con la motovedetta della Capitaneria di Porto di Capri. Con loro il personale dell’istituto Zooprofilattico e dell’Asl competente. Presente anche una motovedetta dei Carabinieri della stazione di Capri.

L’autopsia e gli esami

Dagli esami è emerso che si trattava di una femmina della specie Balenottera o Capodoglio della lunghezza di 14,40 metri. Non presentava nessuna lesione esterna e nemmeno all’interno dello stomaco si sono trovate presenze di corpi estranei o di materiali plastici.

È risultato invece ai medici che nell’intestino si trovavano significative colonie parassitarie che secondo gli esperti potrebbero essere stata la causa della morte. Una morte che risale a circa 10 giorni fa, probabilmente l’animale è morto lontano dall’isola e le correnti l’hanno trasportata nelle acque dell’isola di Capri. (Fonti Il Messaggero e YouTube).