Cani abbandonati sul balcone, cosa fare?

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 giugno 2018 11:03 | Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2018 11:03
Cani abbandonati sul balcone, cosa fare?

Cani abbandonati sul balcone, cosa fare?

ROMA  –  L’estate si avvicina e anche quest’anno si ripropone la problematica dei cani lasciati sul balcone sotto il sole. La onlus Aidaa, Associazione Italiana Difesa Animali & Ambiente,  [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] ha stilato un piccolo vademecum vogliamo aiutarvi a capire come stanno le cose sotto il profilo penale in relazione al possibile maltrattamento del cane stesso, e come agire in caso vi trovaste di fronte alla situazione di vedere un cane abbandonato o apparentemente abbandonato sul balcone.

IL CANE HA NECESSITA’ DI SPAZIO –  Innanzitutto dobbiamo ricordarci che il cane ha bisogno di uno spazio vitale in cui vivere e dormire, di avere sempre una ciotola con acqua fresca e di fare almeno una passeggiata al giorno. Non tutte le persone che possiedono un cane hanno case grandi a sufficienza e quindi molti usano il balcone come una specie di dependance per il cane. Ma ovviamente il balcone deve avere alcune caratteristiche.

IL BALCONE ADATTO AL CANE – Il balcone adatto al cane deve avere innanzitutto una zona d’ombra e lasciare al cane la possibilità di uscire ed entrare nell’appartamento, quindi sono di fatto sinonimo di maltrattamento i balconi con le imposte o le portefinestre chiuse. Oltre alla zona ombreggiata il balcone deve avere anche una metratura minima di almeno 7 metri quadrati con le ciotole di acqua e cibo in zona fresca.

IL CANE NON PUO’ STARE H24 SUL BALCONE – Il cane non può rimanere sul balcone 24 ore o addirittura di più anche se si tratta di un balcone grande.

COSA FARE SE SI CAPISCE CHE IL CANE E’ A DISAGIO – Se si conosce il padrone si deve intervenire subito con lui invitandolo a mettere il cane in sicurezza. Qualora non si trovi il padrone ed il cane rimane oltre quattro ore al sole, si deve chiamare subito i carabinieri, la polizia o i vigili urbani o le guardie ecozoofile in modo che possano intervenire per metterlo in sicurezza. Allo stesso tempo occorre avvertire o il veterinario asl  o un veterinario di zona che interverrà a sua volta presso le forze dell’ordine per chiedere di mettere in sicurezza il cane, oppure chiamare le associazioni protezionistiche di zona.