I cani sanno contare, le scimmie usano gli strumenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Gennaio 2020 7:00 | Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio 2020 8:03
I cani sanno contare, le scimmie usano gli strumenti

I cani calcolano la numerosità degli oggetti (foto Ansa)

ROMA – I cani sanno far di conto. Le scimmie sono abili al punto di utilizzare e condividere strumenti per diverse attività. Le evidenze scientifiche sono risultate convincenti attraverso  neuoroimaging che permette l’osservazione diretta delle aree cerebrali coinvolte nei processi cognitivi in atto.

Che i cani sappiano contare, cioè distinguere e calcolare la numerosità degli oggetti, lo dimostra uno studio dell’Emory University, pubblicato su Biology Letters. Il quale evidenzia un meccanismo neurale comune tra esseri umani e cani dato dalla nostra comune appartenenza ai mammiferi.

“Il nostro lavoro non mostra solo che i cani usano una parte simile del loro cervello per elaborare il numero degli oggetti come fanno gli umani, ma dimostra che non hanno bisogno di essere addestrati per farlo”, afferma Gregory Berns, professore di psicologia e autore senior dello studio.

“Comprendere i meccanismi neurali, sia nell’uomo che attraverso le specie, ci dà un’idea di come il nostro cervello si è evoluto nel tempo e di come funziona adesso”, afferma la coautrice Stella Lourenco, associata di psicologia all’Emory.

Quanto alle scimmie, lo studio pubblicato dalla rivista Proceedings of the National Academy of Science sembra smontare l’impalcatura di pregiudizi intorno all’intelligenza dei primati.

“Si ritiene spesso che i primati non umani apprendano le abilità con gli strumenti osservando gli altri e praticando da soli, con scarso aiuto diretto da parte delle madri o degli altri esemplari esperti nell’uso degli strumenti”, ricorda l’antropologa dell’università di Miami, Stephanie Musgrave.

Che con i colleghi di Washington e St. Louis ha confutato la sommaria tesi. Le scimmie apprendono l’uso di strumenti e ne trasmettono la conoscenza. Studiano e imparano, insomma. (fonte La Repubblica)