Capnocytophaga, il batterio della saliva dei cani che ha fatto perdere ad un uomo gambe e braccia

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Ottobre 2019 14:37 | Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2019 14:37
Greg Manteufel

Greg Manteufel (Foto da YouTube)

MILANO – Per la saliva di un cane, forse del suo amato cane Ellie, Greg Manteufel ha perso gambe e braccia e parte del naso. Colpa del capnocytophaga, un batterio che si trova nella saliva di cani e gatti e che, nei casi di persone con il sistema immunitario compromesso, può portare a patologie anche gravi, fino alla morte. 

Nel giugno del 2018 Greg, imbianchino americano, ha iniziato a sentirsi male. Aveva febbre, vomito e diarrea, ma pensava fosse una semplice influenza. Il malessere, però, è peggiorato, e quando lui ha iniziato ad avere perdite di coscienza sua moglie Dawn l’ha portato in ospedale. 

I medici gli hanno fatto tutti gli esami del sangue del caso e alla fine hanno scoperto il batterio della capnocytophaga, che ha provocato a Greg una grave sepsi, un’infezione del sangue che gli ha causato il crollo della pressione sanguigna e danni a molti organi.

Alla fine Greg ha subito l’amputazione di entrambe le gambe e le braccia dal gomito in giù. Ma non gli ha portato via l’ottimismo. Greg si è subito attivato per imparare ad usare le protesi e ha infuso il buonumore anche nella moglie e nel figlio di 26 anni. Il suo, del resto, è stato un caso fortunato nella sfortuna: dei cinque casi di questo batterio registrati negli ultimi dieci anni negli Stati Uniti Greg è uno dei pochi ad essersi salvato. 

Il caso di Greg e degli altri malati come lui è stato oggetto di uno studio della Harvard Medical School, che ha sviluppato un’importante teoria a riguardo: tutti i pazienti colpiti da questo batterio, infatti, hanno avuto dei cambiamenti genetici. E adesso, proprio studiando i malati a livello genetico, i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital in Boston, insieme a quelli della Harvard Medical School e del Cancer Institute and Beth Israel Deaconess Medical Center stanno cercando di trovare una cura per questa malattia. Per evitare che il bacio del proprio cane possa essere letale. (Fonte: Associated Press)