Capodoglio intrappolato nella rete illegale: la Guardia Costiera e i sub lo liberano VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Giugno 2020 11:37 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2020 11:39
capodoglio intrappolato nella rete da pesca

Capodoglio intrappolato nella rete illegale: la Guardia Costiera e i sub lo liberano

Capodoglio è intrappolato in una rete illegale da pesca: la Capitaneria e un gruppo di sub lo liberano. 

E’ successo al largo di Salina nelle isole Eolie.  

A dare l’allarme alla Guardia costiera era stata la biologa romana Monica Blasi che sull’isola gestisce un centro di studio dei cetacei e delle tartarughe.

Mentre era in navigazione verso Stromboli con i suoi collaboratori, per controllare i siti di nidificazione delle tartarughe marine, a circa sei miglia a nord-est di Salina ha avvistato un capodoglio maschio di circa dieci metri con la pinna codale completamente avvolta in una rete da pesca.

Capodoglio intrappolato, capitaneria invia motovedetta 

La capitaneria ha inviato una motovedetta sul posto.

Insieme all’aiuto di una squadra di subacquei locali la rete è stata rimossa dall’animale che è stato nuovamente libero di muoversi.

Si tratta di una rete da pesca usata illegalmente per la cattura di specie ittiche: per questa ragione è stata sequestrat. Sanzionato il peschereccio proprietario della rete per aver usato una rete illegale.

 Il capodoglio ha potuto raggiungere altri tre esemplari che si trovano in zona. Prima di raggiungere gli altri capodogli, il pesce è stato monitorato per un periodo (fonte: Guardia Costiera, Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).