Coronavirus, la Fda: non accarezzate gli animali domestici di altre persone

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Giugno 2020 14:55 | Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2020 14:55
Animali, Ansa

Coronavirus, la Fda: non accarezzate gli animali domestici di altre persone (foto Ansa)

ROMA – Non accarezzate i cani degli altri. L’agenzia sanitaria americana, la Food and Drug Administration (Fda), consiglia di non accarezzare gli animali di altre persone.

Gli animali domestici non trasmettono il virus all’uomo, ma, spiega la Fda, possono essere contagiati.

Anche se  comunque parliamo di una carica virale relativamente bassa.

Coronavirus, Iss: “Animali domestici a rischio contagio, tenerli lontani dal padrone infetto”

Gli animali domestici, come cani e gatti, “sono suscettibili al SARS-CoV-2” ed è importante proteggerli dai pazienti affetti da coronavirus, limitando la loro esposizione.

Lo scrive sul suo sito l’Istituto superiore di Sanità.

“Il dato, per quanto limitato a poche osservazioni, merita attenzione – si legge sul sito dell’Iss – a questi casi di infezione avvenuta naturalmente, si stanno infatti aggiungendo i risultati degli studi sperimentali effettuati in laboratorio su alcune specie domestiche. Questi confermerebbero la suscettibilità del gatto, del furetto e, in misura minore, del cane all’infezione da SARS-CoV-2”.

La raccomandazione generale è quella di adottare comportamenti utili a ridurre quanto più possibile l’esposizione degli animali al contagio, evitando, ad esempio, i contatti ravvicinati con il paziente, così come si richiede agli altri membri del nucleo familiare.

Gli organismi internazionali che si sono occupati dell’argomento raccomandano di evitare effusioni e di mantenere le misure igieniche di base che andrebbero sempre tenute come il lavaggio delle mani prima e dopo essere stati a contatto con gli animali, con la lettiera o la scodella del cibo”. (Fonte: Telegraph, ISS).