Enpa (protezione animali): “700 piccioni sterminati, denunciamo il sindaco di Terre del Reno (Fe)”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 aprile 2019 11:14 | Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2019 11:14
Enpa (protezione animali): "700 piccioni sterminati, denunciamo il sindaco di Terre del Reno (Fe)"

Enpa (protezione animali): “700 piccioni sterminati, denunciamo il sindaco di Terre del Reno (Fe)”

ROMA – L’Ente Nazionale Protezione Animali ha dato mandato al proprio ufficio legale di assumere ogni opportuna iniziativa contro il Sindaco di Terre del Reno (Ferrara), Roberto Lodi eletto nella lista civica “Terre Unite”, per aver autorizzato con una delibera last minute lo sterminio di 700 piccioni nei terreni di un’azienda agricola alle porte della città. Enpa ipotizza di procedere contro il primo cittadino non solo per il reato di uccisione di animali ma anche per danno erariale davanti alla Corte dei Conti, sulla scia di quanto accaduto con l’ex presidente della Provincia di Bolzano, Luis Durnwalder. Del resto, giova ricordare, che i piccioni in quanto fauna selvatica sono patrimonio indisponibile dello Stato.

Secondo Enpa, l’ordinanza di uccisione firmata dal sindaco il 29 marzo 2019, cioè appena il giorno prima della mattanza (tra l’altro visti i termini fissati per il ricorso sarebbe ancora possibile impugnarla – sia pure inutilmente – davanti al Tar) presenta numerosi profili di illegittimità a partire dall’affidamento delle uccisioni a fantomatici “cacciatori-coadiutori” (più volgarmente: le “doppiette”); una figura non contemplata dalla legge nazionale sulla caccia, la legge 157/92, che pure viene citata dall’ordinanza sindacale. Tra l’altro sui cacciatori -coadiutori selecontrollori la Corte costituzionale è più volte intervenuta ribandendo, che tali figure rappresentano una violazione della legalità costituzionale e che, pertanto, non possono e non devono in alcun modo essere coinvolti nelle operazioni di abbattimento dei selvatici.

Molti poi i dubbi relativi ai motivi igienico-sanitari alla base della decisione di uccidere i piccioni. Su questo punto l’ordinanza sembra essere davvero contraddittoria. Infatti, prima si sostiene che nell’azienda ci sarebbe “la necessità di alleviare il carico di contaminazione fecale producibile dalla presenza dei piccioni”, poi, citando alcuni dei metodi ecologici adottati dalla ditta, si precisa che al momento del sopralluogo della Asl le condizioni igienico sanitarie dell’azienda erano “idonee e mantenute sotto controllo” e che non c’era inquinamento da feci di piccione, grazie all’applicazione di alcuni metodi ecologici, quali reti di protezione e dissuasori acustici, tra l’altro prioritari rispetto a qualsiasi uccisione. «Insomma – commenta Enpa – sembra proprio che non ci fosse alcun documentato motivo che rendesse necessario e indispensabile procedere con il piano di abbattimento, anche perché esistono molte altre soluzioni soddisfacenti oltre quelle applicate dalla ditta».

Questa operazione si è risolta in un’ecatombe: 700 colombi uccisi nel giro di 48 ore, come racconta la testata Estense.com. Vale a dire un piccione ogni cinque minuti: un vero sbarramento di fuoco, confacente più a uno scenario bellico che a quello di un Paese che ama rappresentarsi come civile e rispettoso dell’etica. (fonte Enpa)