Gatti, vietato asportare le unghie: la proposta di legge a New York

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 giugno 2019 14:50 | Ultimo aggiornamento: 11 giugno 2019 14:50
Gatti, vietato asportare le unghie: la proposta di legge a New York

Gatti, vietato asportare le unghie: la proposta di legge a New York

NEW YORK – Vietata la rimozione chirurgica delle unghie dei gatti. L’assemblea legislativa dello Stato di New York ha approvato una legge che proibisce questa pratica, che prevede l’amputazione della prima falange delle dita dei piccoli felini domestici.

La norma, per la quale da anni si battono diversi gruppi di animalisti e veterinari, consentirà la pratica solo in casi eccezionali dettati da necessità mediche, spiega il New York Times. Se il governatore Andrew Cuomo deciderà di firmare il disegno di legge, New York diventerà il primo Stato americano a mettere al bando l’amputazione della prima falange dei mici per rimuoverne le unghie.

Il disegno di legge prevede multe fino a mille dollari per i veterinari che continueranno a praticare la deungulazione. La pratica ad oggi è illegale in gran parte dell’Europa (inclusa l’Italia) e negli Stati Uniti viene già vietata in alcune città come Los Angeles, San Francisco e Denver, ma ancora non a livello statale.

5 x 1000

La pratica del declawing, come viene chiamata in inglese, consiste in dieci (o venti, se effettuata anche alle zampe posteriori) amputazioni separate che partono dalla terza falange fino all’ultima di ogni dito.

A differenza delle unghie umane, infatti, gli artigli dei gatti sono attaccati all’osso. Per asportarli, quindi, è necessario tagliare i tendini e i nervi per rimuovere l’ultimo segmento di osso nelle dita delle zampe. Una vera e propria mutilazione.

Solitamente la deangulazione viene richiesta dai padroni di gatti preoccupati per i graffi dei propri animali. Peccato che queste persone non si rendano conto che ai mici gli artigli servono proprio come a noi le dita. (Fonte: The New York Times)