I gatti preferiscono i carboidrati, i cani i grassi. Ma per la salute meglio le proteine

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 giugno 2018 9:25 | Ultimo aggiornamento: 18 giugno 2018 9:25
I gatti preferiscono i carboidrati. E i cani i grassi

I gatti preferiscono i carboidrati. E i cani i grassi

Cani e gatti sono differenti non solo per carattere e caratteristiche, ma anche per gusti. E questo vale anche per il cibo. Quando si tratta di mangiare, le scelte del palato non sempre rispecchiano quelle che fanno bene alla salute.  [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Eppure è così: anche cani e gatti hanno le loro preferenze, e sono ben differenti.

Uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Biology e condotto dal Carlson College of Veterinary Medicine della Oregon State University ha infatti rivelato che i cani prediligono il sapore tipico dei grassi, mentre i gatti preferiscono, strano ma vero, i carboidrati.

I ricercatori americani hanno analizzato anche le necessità nutritive degli animali domestici in termini di carboidrati, proteine e grassi. Hanno monitorato 17 cani e 27 gatti per un periodo di quattro settimane in cui gli animali sono stati alimentati con quattro tipologie diverse di cibo, in base al loro gusto.

In un primo momento i ricercatori hanno così voluto verificare se gli animali fossero in grado di scegliere in base alle proprie esigenze nutritive. Ed è emerso come i gatti siano più propensi a mantenere una dieta equilibrata, non cedendo in eccessi nonostante il cibo sempre a disposizione (fatta qualche eccezione). Ma quel che ha sorpreso i ricercatori è stato scoprire che i felini lasciati liberi di scegliere prediligono per il 43% carboidrati e solo il 30% di proteine. Al contrario i cani preferiscono per il 41% grassi e per il 36% proteine.

LEGGI ANCHE: CANI E GATTI, COSA DARE LORO DA MANGIARE

Questi gusti, però, non coincidono con le scelte migliori per la salute degli animali, che dovrebbero mangiare prevalentemente proteine, in particolare i gatti, che dalle proteine dovrebbero prendere la metà dell’apporto calorico quotidiano.