L’ultima giraffa bianca monitorata con Gps per salvarla dai bracconieri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Novembre 2020 15:38 | Ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2020 15:38
giraffa bianca ultimo esemplare gps

L’ultima giraffa bianca monitorata con Gps per salvarla dai bracconieri (foto ANSA)

L’unica giraffa bianca di cui si abbia notizia al mondo sarà monitorata con un Gps e ora può correre di nuovo nella savana al confine tra Kenya e Somalia. 

Animalisti e autorità del Kenya sono impegnati a salvare l’ultimo esemplare di giraffa bianca. All’animale hanno applicato un dispositivo di tracciamento sulla testa per monitorarlo costantemente ed evitare che finisca in mano ai bracconieri. A marzo, infatti, due giraffe bianche sono state trovate senza vita in un villaggio nella contea di Garissa. L’obiettivo è intervenire tempestivamente in caso di pericolo. 

Giraffa bianca, perché è una specie così rara

La colorazione bianca di questi rarissimi esemplari di giraffa è determinato dal leucismo, una condizione genetica che inibisce la pigmentazione. A differenza dell’albinismo, può contare su un pigmento scuro nei tessuti molli. Per questa ragione le giraffe bianche hanno tendenzialmente gli occhi scuri. Alcuni esemplari sono stati avvistati per la prima volta in Kenya nel 2016. 

Il precedente di marzo

Lo scorso marzo altre due giraffe bianche erano state trovate in stato di decomposizione in un villaggio nella contea di Garissa dai ranger della riserva naturale Ishaqbini Hirola Conservancy. Secondo le autorità, ad uccidere entrambi gli animali sono stati i bracconieri. (fonte CORRIERE DELLA SERA)