Lamporecchio (Pistoia), la gatta Pallina non ce l’ha fatta: uccisa da una fucilata

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 novembre 2017 10:22 | Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2017 10:22
gatta-pallina-fucilata

Lamporecchio (Pistoia), la gatta Pallina non ce l’ha fatta: uccisa da una fucilata

LAMPORECCHIO (PISTOIA) – Colpita da una fucilata, con in corpo decine di pallini di piombo, la gatta Pallina non ce l’ha fatta. Era rimasta ferita al torace e alla testa, ed era stata trovata semi-agonizzante  dalla volontaria del gattile di Lamporecchio (Pistoia) Claudia Proietti e dal compagno Maurizio Di Tommasi.

La micia, che viveva nella colonia felina gestita dalla onlus Il Rifugio, era stata subito portata nell’ambulatorio veterinario, ma qui è morta la mattina del 4 novembre.

“La gattina – aveva spiegato Claudia Proietti al Tirreno – era quasi morta. È un miracolo che, in quelle terribili condizioni, sia riuscita a trovarci. Lei si fidava di noi. Quando l’abbiamo vista, non ci abbiamo pensato neanche un momento: l’abbiamo presa in braccio e siamo andati in fretta all’ambulatorio veterinario”.

Purtroppo, però, nonostante l’impegno dei volontari e del veterinario, Pallina non ce l’ha fatta. E i volontari de Il Rifugio hanno denunciato l’aggressione alla micia ai carabinieri.

“Qualcuno potrà dire che si tratta soltanto di un gatto e non di un essere umano – ha sottolineato la presidente dell’associazione animalista, Luana Ferradini – Noi, però, condanniamo qualunque forma di violenza, verso chiunque. E invitiamo, se qualcuno avesse visto qualcosa, a segnalarlo alle autorità”.