Mamma orsa e i due cuccioli affogati nella vasca privata

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 novembre 2018 9:47 | Ultimo aggiornamento: 16 novembre 2018 9:47
Mamma orsa e i due cuccioli affogati nella vasca privata

Mamma orsa e i due cuccioli affogati nella vasca privata

ROMA – Tre orsi, due cuccioli e mamma orsa di dieci anni, sono stati trovati morti dal personale del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (Pnalm) e dai Carabinieri forestali in una vasca per la raccolta dell’acqua in località “Le Fossette” tra i Comuni di Balsorano e Villavallelonga (L’Aquila), nella Zona di Protezione esterna del Parco. I tre animali sono presumibilmente annegati cadendo nella vasca per la raccolta delle acque dalla quale non sono riusciti a risalire.

La segnalazione della presenza di animali nella vasca è giunta al servizio di sorveglianza da parte di un escursionista di Balsorano e questa mattina all’alba il personale del Parco ha raggiunto la località. Per il recupero dei plantigradi è stato necessario l’intervento di un elicottero messo a disposizione dai Carabinieri forestali, in quanto la località si trova in alta quota ed è raggiungibile solo a piedi.

Le carcasse sono state trasportate a Pescasseroli (L’Aquila) e saranno sottoposte ad esame necroscopico per accertare o escludere che non ci siano altre cause di morte. Nel frattempo, il servizio di sorveglianza, in raccordo con la Procura di Avezzano, ha adottato tutti gli atti di polizia giudiziaria in relazione alla morte degli orsi. La vasca, nella quale erano già morti altri due orsi nel 2010, si trova su una proprietà privata e gli interventi di messa in sicurezza realizzati dai proprietari, con il supporto del Corpo Forestale dello Stato nel 2012, non erano più adeguati a garantire la sicurezza di uomini e animali.

Su segnalazione dell’Associazione ‘Salviamo l’orso’ il servizio di sorveglianza del Parco ha provveduto a verificare la situazione e l’Ente, pur trattandosi di una proprietà privata fuori dai confini del Parco, nelle scorse settimane ha intimato ai proprietari di realizzare adeguate misure di protezione per garantire l’incolumità di persone e animali, fornendo anche la consulenza tecnica per una soluzione efficace e definitiva del problema.